ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 29 marzo 2008

APPELLO RIVOLTO A TUTTI I CITTADINI DELLA PROVINCIA DI UDINE


Comunicato stampa<---CLICCA


Vi invito da questo momento a stampare,fotocopiare e divulgare questo documento, che è stato firmato dai quattro esponenti della lista "Autonomia Strassoldo Presidente" che si presentano per le Elezioni della Provincia di Udine nei collegi del Friuli Orientale. Vi invito quindi a sostenere questa lista qualsiasi sia il vostro pensiero Politico.  Contattate tutti e divulgate, chiedendo a tutti di votare questa lista che si impegna, grazie a questi candidati, alla salvaguardia della nostra lingua, delle nostre tradizioni e della nostra millenaria storia. Contro l'imposizione della Minoranza Nazionale Slovena.  GRAZIE


Comunicato stampa.


 


 giovedì 27 marzo 2008 Remanzacco (UD)


 


 


I sottoscritti candidati Consiglieri provinciali della lista “Autonomia Strassoldo Presidente” nei collegi del Friuli Orientale, si impegnano a tutelare e valorizzare la parlata, la cultura e le tradizioni locali, al di fuori della minoranza slovena, nel rispetto della millenaria storia locale.


Si impegnano inoltre a promuovere la revisione della legge n.26/2007, imposta dalla Regione, che considera ingiustamente slovene le millenarie comunità linguistiche residenti nel Friuli Orientale.


 


 


Udine, 28 marzo 2008.


 


 


 


                                                Lista “Autonomia Strassoldo Presidente”


 


                                                I candidati Consiglieri provinciali :


 


Giovanni   Miani   (Collegio Faedis-S.Pietro Nat.)


                                                Franco       Di Lenardo  (Collegio Manzano)


                                                Stefano      Sgrazzutti    (Collegio Tarcento)


                                                Giancarlo   Zambelli Hosmer (Collegio Cividale).    


 


 


 


 

69 commenti :

  1. utente anonimo30 marzo 2008 08:02

    Franco Di Lenardo è Turan, vero? Il curatore di questo Blog? Non ti stro prendendo in giro se sei tu, il fatto è che non ti conosco. Grazie.


    Ora passo al resto. Come mai solo in 4? Come mai manca, ad esempio, tanto per fare un nome, un piccolo (in tutti i sensi) nome. Non è candidato alle elezioni, non so per quale schieramento perchè, magari, anche lo schieramento per cui si candida è piccolo Di Lenardo, ma non tu: quello che siede nel consigio di maggioranza a Resia? E Pacilio. Non potresti spiegare perchè mancano i loro due nomi? Sai così in cabina magari la gente se ne ricorda. Che ne pensi? Oppure sono domande troppo indiscrete?

    RispondiElimina
  2. Non preoccuparti domani sera ho un incontro con tutto il direttivo di I.T.V.R. dove prenderemo in esame tutte le candidature dei nostri concittadini Resiani e delle Valli del Friuli Orientale. Naturalmente cercheremo di dare dei consigli su come agire in cabina elettorale. Ripeto, dei consigli. Sperando che la gente possa capire e agire di conseguenza. Grazie comunque e Mandi.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo31 marzo 2008 13:50

    OK ricevuto il messaggio,mi attivo per divulgare il tutto.

    DL1

    RispondiElimina
  4. utente anonimo31 marzo 2008 13:52

    Dimenticavo,divulgo in zona Tarcento e Cassacco.

    DL1

    RispondiElimina
  5. utente anonimo31 marzo 2008 15:55

    Ora che il latte è stato versato,cioè che la famigerata legge è passata, cosa vuol fare la tua lista Turan? Vuole salvaguardare chi e che cosa? Troppo tardi,grazie.Potevate pensarci prima!!!

    Manzini Alessandra

    RispondiElimina
  6. utente anonimo31 marzo 2008 15:56

    Caro Turan, non sosterrò ne divulgherò nessuna delle liste dove ci sono personaggi fin troppo conosciuti per il loro accanimento denigratorio verso persone che hanno lavorato nel passato per Resia ed i resiani.

    Per quello che riguarda la tutela delle minoranze linguistiche, sono già tutelate dalle leggi passate (dove eravate?) e recenti (cosa avete fatto oltre a litigare come comari? Se ci fosse stata da parte vostra, un po' di umiltà e collaborazione qualcosa di più si sarebbe potuto fare). Quello che appare incredibile è la tracotanza e la presunzione con la quale chiedete voti. La GENTE ONESTA sa chi votare ma soptatutto sa chi NON votare !!!!!!!

    RispondiElimina
  7. utente anonimo31 marzo 2008 16:11

    Caro Turan, tu che sei nella lista di Strassoldo, mi faresti la costesia di copiare e pubblicare su questo blog l'articolo che appare oggi 31 marzo 2008 sul Messaggero Veneto nella "posta dei lettori " sotto la voce "IL CASO" con il titolo:

    Il problema linguistico delle piccole minoranze. A firma di Davide Turello Udine.

    Questo, te lo chiedo per la "par condicio". Grazie mille.

    RispondiElimina
  8. Al commento 7,

    Sarà fatto appena possibile. Naturalmente è già pronta una risposta a quella lettera, bisogna vedere se la pubblicheranno sul mitico Messaggero Veneto. Mandi

    RispondiElimina
  9. utente anonimo31 marzo 2008 16:41

    Signora Manzini ma lei ha gettato la spugna?Ha ancora voglia di lottare? Non capisco questi accanimenti contro quei resiani che continuano a farlo. Saluti

    RispondiElimina
  10. utente anonimo31 marzo 2008 17:09

    Signora Manzini ma si rende conto di che figura sta facendo? e' ridicola. Continua a sputare nel piatto dove ha mangiato fino all altro giorno. La faccia finita per piacere

    RispondiElimina
  11. utente anonimo31 marzo 2008 19:45

    Per il n 10

    Non prendo le difese della Manzini, è in grado di farlo egregiamente da sola però una considerazione me la concedo lo stesso.

    Se si è ritirata dal banchetto, vuol dire che si è accorta che più di qualcuno sputava "nel piatto" e, continuava a mangiare "nel piatto".

    Brava Manzini io avrei dato di stomaco "nel piatto" e anche sul tavolo.

    RispondiElimina
  12. utente anonimo31 marzo 2008 20:03

    Signora Manzini, come mai cosi' tante persone sono "incavolate" con lei? Non sara' mica una delle mele marce? Immagino che tutti quelli che sono rimasti nel comitato sono mele di prima scelta!... Saluti

    RispondiElimina
  13. utente anonimo31 marzo 2008 20:39

    Sul sito di Val Resia.it ho letto tempo addietro l'elenco del nuovo direttivo,sono ritornato a rileggerlo ebbene risulta che la signora Manzini ne fa ancora parte.Domanda:ma c'è o no nel direttivo? Saluti

    RispondiElimina
  14. utente anonimo31 marzo 2008 21:16

    Al commento 13:

    Per soddisfare la sua curiosità le consiglio di andare a leggersi i verbali dell'associazione ITVR dal 1° novembre in poi. Io non mi sento più di rivelare i retroscena!!!

    Manzini Alessandra

    RispondiElimina
  15. utente anonimo1 aprile 2008 11:52

    E' successo, è veramente accaduto!! Finalmente si litiga per la sedia!! Era nell'aria che tutto questo "casotto" sulla minoranza linguistica slovena serviva per il POTERE!! Non ci sono più dubbi, le fette della torta devono essere molto buone eh! E poi sono i filosloveni ad avere interessi ecomonici eh! Vergognatevi!! Non ci sono più i commenti di Lisizza55, ha cambiato nome oppure il BABAU non vuole esporsi più?

    Caruso Annibale

    RispondiElimina
  16. utente anonimo1 aprile 2008 16:52

    Ahi, ahi Turan, ti sei messo proprio con quello che promette quello e poi non riesce a mantenere. Ingenuo, sei proprio ingenuo, ed allora devo dedurre che ti hanno usato anche per la conquista della prossima poltrona, quella della Val Resia!! Spero solo che tu non usi quei "maledetti soldi" per finanziare la propaganda elettorale, sai, chi va con lo zoppo.......

    Allegriaaa allegriaaa...

    RispondiElimina
  17. utente anonimo1 aprile 2008 17:25

    sono il n. 10

    Signora Manzini, la smetta di essere acida. Cosa le brucia? Le brucia la sedia che voleva? Chissa cosa si era messa in testa. Si si vuole uscire fuori come una "santarella". Faccia pure

    RispondiElimina
  18. utente anonimo1 aprile 2008 19:30

    siamo in piena campagna elettorale. lo si vede dalle malignità che vengono scritte. tutti contro tutti. possibile che non riusciate a portare la discussione su livelli più civili?

    RispondiElimina
  19. utente anonimo3 aprile 2008 17:07

    Tempo fa qualcuno scrisse di un silenzio assordante, è come questo? Adesso dove sono costoro? Tutti in campagna elettorale? Tutti muti....

    RispondiElimina
  20. utente anonimo3 aprile 2008 21:37

    Rispondo al commento 17:

    L'ingenuità è la forza degli onesti. L'onestà è la mia forza. Preferisco essere un pò ingenuo, ma sapessi che bello poter camminare a testa alta. Sempre.

    Saluti

    RispondiElimina
  21. utente anonimo4 aprile 2008 09:09

    Per il n.21, non si discute sull'onestà delle persone bensì del fatto di mettersi con coloro che non hanno fatto un bel niente per la Val Resia. Può darsi che qualcuno sì ne abbia tratto vantaggi ma la collettività no. Sta di fatto che questo qualcuno non si espone mai in prima persona, si serve sempre di terzi, anche di te, per raggiungere quanto si è prefisso. Stai attento, dunque, è un consiglio che puoi anche non prendere in considerazione, di non dover camminare con la testa bassa per colpa di altri personaggi. Il tuo impegno dovrebbe essere profuso anche nel ricercare il dialogo che fino ad ora latita, ognuno sulle sue posizioni, di qua resiani doc dall'altra quelli che sono considerati da ITVR filosloveni che tra l'altro non si leggono più perchè probabilmente stufi di questo continuo andazzo.

    Auguri!!

    RispondiElimina
  22. Inspiegabilmente il commento 21 è uscito come Utente Anonimo,ma vedo che hai capito che ero io. Accetto i tuoi consigli ma sappi che per quanto riguarda i "filo sloveni" (secondo me solo per interesse e non per convinzione vera), arrivano eccome i loro commenti, sempre sferzanti e pronti a polemizzare con tutti e su tutto. Credo che sia divertente per loro. Comunque grazie e a presto.

    RispondiElimina
  23. utente anonimo5 aprile 2008 18:08

    chi vota Illy vota x la minoranza slovena!!!

    RispondiElimina
  24. utente anonimo6 aprile 2008 11:16

    L'unione slovena è alleato con Illy,ben detto 24,chi vota Illy è complice della imposizione della Minoranza Slovena nelle nostre terre,contro la maggioranza dei nostri popoli che non si è mai sentita e non si sente Slovena.

    RispondiElimina
  25. utente anonimo6 aprile 2008 14:03

    Cari blogger tutti, vi chiedo, una volta tanto, di leggere attentamente tutti i programmi elettorali: destra e sinistra. Di leggere la costituzione della repubblica dagli articoli 70 a 82 – è la sezione seconda intitolata delle leggi – vi chiedo di concentrarvi sugli articoli 70, 71, 72 e 75. La lettura degli articoli vi farà capire quanto sia impossibile modificare la legge sul bilinguismo.

    Perché non proviamo a protestare silenziosamente rifiutando il nostro voto? Perché non proviamo ad andare al mare domenica prossima? Lunedì saremo tutti a lavorare quindi non sarà un sacrificio non votare. Perché votare questa massa di candidati che, comunque, curano gli interessi di partito – dal quale sono stati co-optati – e non curano gli interessi per il quale la popolazione gli dà delega?

    Tondo ha rifiutato ogni confronto con Illy, il mio cuore pende a destra, non la destra estrema, la destra che oggi si definisce centrale, però, mi vergogno tanto del suo comportamento. Non dovessi turarmi il naso, sinceramente, voterei per Illy, invece, non andrò a votare. In quanti mi seguiranno?

    RispondiElimina
  26. utente anonimo6 aprile 2008 16:52

    X 24


    Perchè, secondo te, dovremmo votare per Tondo ( in carnia non è che sia adorato) solo perchè ha sposato una resiana, perchè ha fatto una piantagione di lavanda in Rauna e vi ha fatto la centrale ??? ( che non sarà mai vostra !!!!! )

    Ma fammi il piacere !!!!!

    Hai visto che figura meschinella ha fatto ieri a Telefriuli ?? ( da vergognarsi )

    Con lui alla regione, il nobile prof. alla provincia e Berlusca al governo la catastrofe sarebbe completa.

    Altro che " problema di minoranza slovena"!!!



    RESIANI, non date ascolto a quei predicatori stolti e arroganti che hanno fatto già abbastanza male alla Valle che non danno mai risposte vedi Centrale, Parco,ecc... e che poi se la prendono con chi smaschera i loro giochi .......... ( vedi gli attacchi incredibili alla Manzini )

    Io tifo x Riccardo, se è di mali che si parla, scelgo il male minore.

    RispondiElimina
  27. utente anonimo6 aprile 2008 20:30

    x il 26

    invece sbagli a non andare a votare. Illy avrà il sostegno del partito sloveno; Tondo fino a prova contraria non ha fatto nessuno legge a favore della minoranza slovena. quindi, visto che ci sono solo due candidati, scelgo per il meno peggio......

    RispondiElimina
  28. utente anonimo6 aprile 2008 20:32

    x il 27

    visto che ci sei vota pure per la blasina ( se sai chi è...)

    RispondiElimina
  29. utente anonimo6 aprile 2008 20:35

    che figura avrebbe fatto Tondo a Telefriuli? quella di aver esposto che grazie a Illy siamo una delle regioni più indebitate? si è alzato dicendo che con un castrone del genere (la parola è mia lui ha suato una più signorile) non vuole aver nessuno dialogo.....naturalmento il direttore del tg di telefriuli (grande amico di Illy ) ha preso la palla al balzo....

    RispondiElimina
  30. meglio precisare due cose:

    se si vota Illy si accetta di conseguenza la legge sulle minoranze lingusitiche. La Blasina ( o blazina come ama farsi chiamare lei) è candidata alle politiche nella lista del PD, ha già fatto un enorme danno in regione, figuriamoci cosa combinerà a Roma...

    RispondiElimina
  31. utente anonimo6 aprile 2008 21:06

    E quello sarebbe l'atteggiamento di una persona che si candida a governare la regione ? Non è solo ridicolo, è anche patetico.

    Comunque la figuraccia l'ha fatta anche disertando l'incontro con gli industriali. Sono cafonaggini che non fanno certamente bene all'immagine di persone che si ritengono di rango superiore.in questo, bravo maestro è stato il suo santolo Silvio da Arcore, per il quale il buon Renzo si è accorciato baffi e capelli.

    Sarebbe bene però che si studiasse bene le carte, l'analisi fatta dalla Bocconi lo smentisce.

    RispondiElimina
  32. al com 32

    Illy non ha niente da invidare a Tondo in fatto di caffonaggine...mentre in aula a Trieste si discuteva per la tutela di Resia, Illy e compagno Antonaz bevevano e leggevano il giornale...bella educazione....

    RispondiElimina
  33. Illy in fatto di caffonaggine non ha nulla da invidiare a Tondo. Mentre in aula a Trieste discutevano sulla tutela del resiano, Illy e compagno Antonaz bevevano e leggevano il giornale....che educazione....avrebbero fatto più bella figura alzarsi ed andarsene

    RispondiElimina
  34. utente anonimo7 aprile 2008 09:37

    appunto, riassumendo, si potrebbe dire che entrambi sono dei cafoni. Noi che strumento abbiamo per bocciare i cafoni? Nessuno se non quello di disertare le urne

    RispondiElimina
  35. utente anonimo7 aprile 2008 10:09

    Turan... Tuuran !!!

    Non parlare di Trieste, che , in fatto di cafonaggine VOI ( ITVR ) non siete stati secondi a nessuno.

    VIVA le due Alessandre e già che ci siamo, VIVA Cuzzi di Tolmezzo.

    Mandi mandi ciao ciao

    RispondiElimina
  36. utente anonimo7 aprile 2008 10:43

    Direi che toni più pacati non guastrebbero. Candidati di parti opposte ce ne sono sempre stati, per fortuna, è normale che ci sia dell'attrito. Non è normale invece rifiutare qualsiasi forma di dialogo, tutti devono sapere su quali punti non c'è convergenza, è la legge della politica non essere d'accordo sui programmi, è questa la cosa più importante. Che ora politica sia sinonimo di "centro di potere", che nulla ha a che vedere con la risoluzione dei problmi del popolo è una realtà. Penso che sia da combattere questo, gli interessi di pochi contro quelli di tutti, non votare le persone che non si impegnano a favore di coloro che alla fine li mantengono. E poi, come si fa a schierarsi con uno che rappresenta una forza politica la quale ha cacciato dal "Palazzo" di Udine chi si è comportato in quella maniera? Premetto che alle precedenti elezioni anch'io l'avevo votato, ma dopo certe figure, lasciamo perdere!! Ecco certi personaggi, per decenza, dovrebbero evitare di presentarsi ancora e chiedere il voto di fiducia per reggere il "Palazzo", evidentemente ci sono troppi interessi per non farlo. Queste persone non devono più rappresentare il popolo ma andare a lavorare.

    RispondiElimina
  37. utente anonimo7 aprile 2008 12:59

    37 sappi che sono totalmente d'accordo con te. mai analisi fu più giusta e approffondita. soluzioni?

    RispondiElimina
  38. al 36

    1° non so turan (se hai problemi alla vista ti consiglio una visita dall'oculista)

    2° ..in fatto di cafonaggine VOI ( ITVR ) non siete stati secondi a nessuno..meglio che scendi nei particolari, dicendo a cosa ti riferisci (visto che di cose diffamananti ne ho sentite) così ne discutiamo nelle sedi opportune.

    3° ..VIVA Cuzzi di Tolmezzo... Cuzzi ha già smentito ( le malelingue ci sono anche a Tolmezzo, quelli ch emettono in giro falsità..) le sue pèarole sul gazzettino di oggi "Io sto con Renzo Tondo e con il Centrodestra». Il sindaco di Tolmezzo, Sergio Cuzzi, smentisce il senso delle dichiarazioni attribuitegli ieri"

    in poche parole oggi con un commento haio tre figure di ************

    RispondiElimina
  39. utente anonimo7 aprile 2008 15:22

    Ehi, Resiaitalia, intanto impara a scrivere e poi se vuoi parliamo delle sedi più opportune come ad es. Fiera di Udine, Sede della Regione a Trieste. Pensavi di essere al Pust? Te ne cito ancora una, rio Barman inaugurazione delle centrale, canti, balli e gnam gnam cin cin, tutti insieme appassionatamente come al cinema, solo che proiettavano la disfatta della Val Rasia. E non parliamo poi della festina di Uccea!! Se riesci, togliti le fettine di prosciutto dagli occhi così anche tu non sarai più cieco.

    RispondiElimina
  40. al 40- utente anonomo (ha paura di firmarsi poverino....)

    l'unica cosa che devo fare è cambiare tastiera ( io però uso la mia, non quella dell'uffico dove lavoro), (Ehi, Resiaitalia, intanto impara a scrivere...per il ciclo il bue dà del cornuto all'asino). Sulle altre cose prima di risponderti attento le tue precisazioni sulla domanda che ti avevo fatto stamani, ossia :" in fatto di cafonaggine VOI ( ITVR ) non siete stati secondi a nessuno.."

    RispondiElimina
  41. utente anonimo7 aprile 2008 16:34

    Rgazzi!!

    C'è "R E S I A I T A L I A" sul primo binario!! Tu tuuut.... il treno della fiera della vanità! In carrozza. Si parte! Ma dove si va? Mah!!

    Dove mi manderà lui c'è già stato!!

    RispondiElimina
  42. utente anonimo7 aprile 2008 18:55

    che vergogna. mi sa che siete tutti esauriti!!!!!

    RispondiElimina
  43. utente anonimo8 aprile 2008 09:51

    Esatto 43, infatti il 41 è proprio esaurito, ma di contenuti, pretende di sapere cosa fanno gli altri ed è talmente convinto che si confonde con loro. Io ormai da più anni in pensione vengo considerato ancora al lavoro ed invece chi scrocca la tastiera dell'ufficio è proprio lui. Sempre per il ciclo citato dal lui.

    RispondiElimina
  44. utente anonimo8 aprile 2008 10:33

    Ehi! Non offendiamo. Se qua c'è uno che lo fa dall'Ufficio sono io. Che caspita. Letto le ultime scaramucce. IL senso non cambia. Mr. Tondo si sottrae al confronto. E' un politico - uomo pubblico - quindi non si può sottrarre all'arena. Il mio cuore batte verso il centro destra, non voterò e sono del partito del non voto. Mi vergogno dei candidati che mi vengono imposti dal Berlusca. Tondo ha già perso le elezioni col suo comportamento degno di un perdente.

    RispondiElimina
  45. Non votare secondo me è sbagliato. Mi sento comunque di dare dei consigli a tutti coloro che leggono questo Blog. Il primo è non votare la Sinistra. Alleata con l'Unione Slovena della Blasina. Secondo, dare fiducia, almeno nella Val Canale e a Resia,a un Resiano che potrebbe incominciare a battersi per la nostra gente, mi riferisco a Di Lenardo Daniele candidato per la Provincia nella Lega Nord. Dobbiamo dargli la possibilità grazie a tutto l'elettorato Resiano e non. Comunque la pensiate su di Lui. Se propio non riuscite a digerirlo, cercate di dare forza al Movimento Autonomia, sempre alle Provinciali, dove a parte me, ci sono altri tre rappresentanti della Val Torre, Natisone e Cividale, che stanno lottando, e lotteranno, contro l'imposizione della minoranza Slovena nei nostri territori (vedi documento firmato sopra). Ripeto, comunque la pensiate cercate di indirizzare il vostro voto verso il meno peggio, compreso Tondo. Ricordatevi che la Blasina è nelle liste del Pd x andare a Roma. Mandi anu sbuhon.

    RispondiElimina
  46. utente anonimo9 aprile 2008 09:15

    Turan, mi sa tanto che il male della politica ti sta prendendo anche te. Mi spiego: qua chiedi di votare di lenardo di là dici che la nostra amministrazione ne ha combinata un'altra delle sue. Di quale amministrazione fa parte di lenardo? non ha la delega ai lavori pubblici? Quindi, caro Turan, l'elettore, a volte, non è stupido e usa la testa. Non voterò mai a sinistra ma neppure per questa destra che solo deluderci sa. Ciao, ciao

    PS qualcuno ha tentato di imitare il mio saluto, non sono io. Il mio ha il copyright

    RispondiElimina
  47. utente anonimo9 aprile 2008 10:38

    E' vero 47, queste ubriacature da politica non fanno certo bene, anzi. Però il discorso è sempre quello, sono più forti gli interessi o è più forte la voglia di fare del bene al prossimo dedicando tempo e capacità? Sono convinto, visto anche i toni elevati sia a carattere regionale che nazionale, sia il primo ad "ingolosire" questi personaggi. Nel caso specifico, cioè quello da te citato, mai più dovrebbe presentarsi candidato, infatti anche lui è nella lista, che nessuno divulga, di coloro i quali hanno beneficiato di quei famosi contributi provenienti dalle casse per le minoranze linguistiche tanto ripudiati ma a suo tempo bramati e poi utilizzati. E' ora di finirla con queste ipocrisie, la gente deve sapere con che soggetti ha a che fare. Predicano bene e razzolano male!!! Hai ragione nell'affermare che la destra ha deluso, anche loro si sono adattati alle cattive abitudini. Siamo proprio in difficoltà nel scegliere i nostri rappresentanti, bisogna meditare.

    Saluti

    RispondiElimina
  48. utente anonimo9 aprile 2008 13:25

    Gentile 48,

    Mi ero ripromesso di accedere al blog solo al termine delle elezioni perché i toni si erano accesi e la maleducazione aveva raggiunto livelli di guardia. I tuoi toni pacati, però, mi hanno convinto che è giusto scrivere ancora su questo muro per dare conferma che ancora esiste la signorilità e la gentilezza.

    Quello che tu scrivi è più che giusto. Gli interessi personali ormai hanno superato di gran lunga l’ottimale gestione del bene pubblico. Quello che più rode – almeno a me – è l’incredibile faccia tosta che la persona pubblica dimostra quotidianamente nel suo essere. La politica nazionale non è nient’altro che la copia della politica locale. Dicevo nel precedente post che il mio cuore, suo malgrado, batte a destra: per essere precisi liberale. Chi predica la liberalità nel nostro Paese è il Berlusca, ma quanto liberale esso sia è negli occhi di tutti. Scendiamo alla nostra regione e, il Berlusca, ci impone Tondo il quale, privo di argomenti e smentito dal giornale di confindustria, pensa bene di abbandonare un dibattito pubblico alla prima domanda. Non pago del comportamento maleducato e arrogante che fa? Diserta l’incontro con gli industriali. La domanda sorge spontanea: che confronto mai potrà accettare, se eletto, con le esigenze dei cittadini? Meglio non rischiare. Nessun voto né alle politiche né alle amministrative regionali. Scendiamo di un livello: province. Mai ente più inutile. Non sarebbe meglio abolirle? No! Servono da serbatoio elettorale. Bene. Chi votare? Il paesano; è la risposta più ovvia. Perché no. Amministra Resia, si sa mai faccia meglio in provincia. Poi, invece, si ragiona sul curriculum dell’amministratore comunale e cosa si trova? Ombre, opacità, grande capacità di riciclaggio e poi? Niente. Vuoto assoluto. Turan lo difende a spada tratta: Solidarietà politica o semplicemente un aiutino al paesano? Non lo so. Quello che a me dispiace è che sono persone, tutti i candidati, che hanno la possibilità di far cambiare le cose. Ma perché a destra non si fa più? Perché solo la sinistra riesce a mantenere qualche promessa elettorale? Non lo so. Ma è una bella domanda. Il prossimo anno ci saranno, a Resia, le elezioni comunali, già si parla di salti della quaglia della nostra maggioranza; perché non usano il buonsenso e continuano con la loro lista? Perché non la smettono con la politica e con l’amministrazione del bene pubblico e non si impegnano nei loro interessi lavorativi e familiari?

    No. Saranno invece capacissimi ad addossare tutte le colpe al sindaco, dimentichi che anche il loro alzare la manina ha contribuito a svendere Resia. Sulla Centrale tutto tace; sul parco, giustamente e metaforicamente, non si muove foglia; la grana slovena è sotto gli occhi di tutti, dov’erano? Non è il solo sindaco a governare. C’è la giunta e il consiglio.

    Concludo semplicemente dicendo che non voterò e, sinceramente, spero siano in molti a seguire il mio esempio perché è l’unico modo per giudicare negativamente questi personaggi e far si che la bocciatura elettorale li convinca a strasene a casa.

    RispondiElimina
  49. utente anonimo9 aprile 2008 16:46

    Certamente 49, sono d'accordo, ma attualmente la botte da' il vino che ha, putroppo aggiungo. E' un problema reale che secondo me bisognerebbe affrontare con i giovani che in un prossimo futuro dovranno giocoforza prendere il "pallino" in mano. Anche questo è un argomento difficile da affrontare perchè quelli che dovrebbero avviarli alla "politica" non lo faranno mai perchè la caccia alle poltrone è esclusivamente di loro competenza, sai è troppo importante la carica!! Ed allora chi continuerà nell'impegno? A quelle condizioni nessuno. Come vedi è un circolo vizioso. Capisco perfettamente la tua scelta di non dare il voto a nessuno di quei candidati, effettivamente non ispirano fiducia. Personalmente esprimerò la mia preferenza verso un amico, di quelli con la A maiuscola, però non avrà la fortuna di essere eletto perchè non allineato ma nonostante ciò lo premierò, magra consolazione! E' importante comunque avere la coscienza a posto, e poi a Resia per il prossimo anno non la vedo bene. Non ci sono più personaggi con lo spirito giusto, un tempo le persone che davano la disponibilità erano sicure di portare a termine il mandato cercando di mantenere tutto quanto promesso alla gente, magari di correnti politiche diverse ma di parola. Ora la situazione è veramente difficile; a sinistra non c'è praticamente nessuno, a destra non ne parliamo, però c'è un movimento trasversale che non ho ancora ben individuato, staremo a vedere. Speriamo che quest'ultimo abbia a cuore i veri problemi della valle. La battaglia per il riconoscimento della parlata non è il solo problema, c'è l'ambiente, il lavoro, la cultura, l'economia ed altro ancora da risolvere. Ci sono sempre più vecchi, i giovani devono essere trattenuti in valle, è forse questo il problema più importante e in questo auguro a chi verrà a Prato l'anno prossimo la pronta risoluzione.

    Saluti

    RispondiElimina
  50. utente anonimo9 aprile 2008 17:32


    Caro Turan, Sono contento che finalmente stai cominciando ad aprire gli occhi, sul caso della centrale.

    Sarebbe bene che tu indagassi ancora un po’ e che poi rendessi edotta la comunità di quello che avrai scoperto. Io ti posso solo consigliare di mettere a confronto il primo progetto ( progetto Paletti, per intenderci ) ed il progetto che l'attuale amministrazione ha realizzato e razionalmente valutare i benefici o il danno che ne è derivato a tutta la Valle. A proposito, hai notizia se questa discussa centrale sia in funzione ??? Avrebbe dovuto essere operativa dalla fine di marzo ma non se ne sa nulla, sarà mica sparita l’acqua ??? Non se saranno mica bevuta ???

    E il “PARCO”???? Che si dice ???

    E dell’ultimo gossip, per intenderci, “ IL PREVALA” ???? Hanno svenduto l’acqua, adesso vogliono farsi pagare la neve. Cosa dice Daniele Di Lenardo ? E Tu ?? E volete farvi votare ???

    Non voterò nessuno di voi,anzi, non andrò proprio a votare.

    RispondiElimina
  51. Parole sagge 48, fino a un certo punto. Io credo a un Friuli unito in una sola provincia, Udine,Pordenone e Gorizia insieme federate a Trieste, tipo modello Trentino - Alto Adige, eliminazione delle Comunità Montane che non servono a niente. Coloro che le difendono sono le stesse persone che le gestiscono (potrone solo poltrone). Troppi interessi intorno alla politica, troppi soldi, comprese queste leggi sulle minoranze linguistiche, che stanno rovinando la società. A Resia fino a qualche anno fa nessuno si sarebbe mai immaginato di dover affrontare questo problema, tutti o quasi parlavano Resiano, e mai nessuno si poneva il problema dello Sloveno, perchè tutti noi ci sentivano solo e unicamente Resiani.


    Al commento 49 dico che solo per soldi, in nome di un possibile aiuto economico, alcuni, forse in buona fede, hanno intrapreso la strada della slovenità a tutti i costi. Si sono trovati un'occupazione stabile grazie a questa legge. Ma a che prezzo? Appena la gente è venuta a conoscenza, c'è stato un altro terremoto, ma questa volta è partito dal cuore, un tremio sempre più forte che ha condizionato questi ultimi 18 mesi. Molta gente ancora adesso non riesce a capire il perchè. In ambito Comunale la politica è scaduta a livelli bassissimi. Da una parte la lista dell'ex sindaco paletti, che ancora adesso difende la decisione di appoggiare la scelta di aderire alla Minoranza Nazionale Slovena (pazzesco), mentre dall'altra una lista che non ha intrapreso nessuna iniziativa concreta contro la possibile adesione a tale Legge. Tante promesse prima del voto, ma poi? Cosa hanno fatto gli attuali amministratori?


    Caro 51, Se hai delle notizie in merito alle problematiche della Centrale o del Parco mandamele, o scrivele direttamente nel Blog, non ci sono problemi.


    Paletti? Tante volte è venuto a Coritis quando costruivamo la Chiesetta, e ti posso dire che è sempre stato gentile con noi, ma sappi una cosa, fino a che rimmarra ancorato alla decisione da lui presa Resiani=Sloveni, da parte mia sempre un saluto, ma politicamente sarò sempre dall'altra parte, perche Resia e il suo popolo è solo e solamente Resiana fino al midollo.

    Sbuhon

    RispondiElimina
  52. utente anonimo10 aprile 2008 09:58

    Caro Turan e cari bloggers, siamo in periodo elettorale e si vede benissimo: i candidati sono a caccia di poltrone con promesse elettorali varie, quindi, giova raccontare una storiella metaforica per predire il futuro, cioè, che fine faranno le promesse elettorali. I vincitori sono Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno. C'era un lavoro importante da fare e OGNUNO era sicuro che QUALCUNO l'avrebbe fatto. CIASCUNO avrebbe potuto farlo ma NESSUNO lo fece. Finì che CIASCUNO incolpò QUALCUNO perchè NESSUNO fece ciò che OGNUNO avrebbe dovuto fare.

    Non sembra la storia della nostra amministrazione comunale?

    RispondiElimina
  53. utente anonimo10 aprile 2008 10:26

    Vedi Turan, tu non vivi in montagna e i problemi di questa zona, che sono molteplici, forse non li conosci realmente ma solo teoricamente. Eliminare le C.Montane è come appiattire il territorio, i problemi di Claut non sono gli stessi di Cave del Predil, genti diverse con tradizioni e culture non proprio uguali. Le diversità, anche a carattere mondiale, sono a mio avviso il valore aggiunto in questo mondo ormai globalizzato. La stessa U.E. con le sue direttive obbliga i montanari a lavorare il latte per produrre il formaggio come in caseifici industriali piuttosto che in malga. Ti sembra giusto? Comperare il formaggio in Malga Coot ed accorgersi che ha lo stesso sapore di quello prodotto a Francoforte? Lasciamo stare le C.Montane dove sono per favore, costano meno di tante altre poltrone e poi l'Alto Adige ha la sua storia che è molto diversa dalla nostra. Cosa direbbero i "cittadini" se, arrivando la domenica sui Piani de Montasio, trovassero il Leerdamer o altro formaggio cotto? Guarda la Svizzera oppure fai un giretto in Francia e vedrai lì come mantengono le diversità. Nessuno si sogna di omogeneizzare il territorio, sarebbe come riunire tutto il vino prodotto in Friuli sotto una unica etichetta. E' giusto? Lasciamo che la gente viva nelle valli montane come ha sempre fatto ed elegga i suoi rappresententi affinchè siano proprio loro, che vivono lì, a portare avanti i problemi e a farsi sentire. Vedrai che alla fine anche i "cittadini" saranno felici.

    Saluti

    RispondiElimina
  54. utente anonimo10 aprile 2008 12:23

    ......eee il presidentissimo di ITVR non si esprime più? Non si fa sentire, ma legge e ascolta eccome!!! Forse sarà impegnato con la propaganda elettorale del suo amico autonomista, chissà se ne trarrà vantaggio!! Come papabile alla sedia di Prato meglio non esporsi eh!! Mala tempora currunt, si dice così? Dovrebbe voler dire, gira male, no? Sono in attesa della correzione.

    Zizu

    RispondiElimina
  55. utente anonimo10 aprile 2008 13:06

    Egregi candidati resiani alle poltrone della Provincia, Regione e Governo Nazionale, se pensate di varcare le soglie dei vari "Palazzi" soltanto con la tiritera del "siamo resiani non siamo sloveni ", sinceramente appare come un'ingenua presunzione. Senza un programma serio non si va da nessuna parte. E se come dite, amate la vostra terra, beh, guardatevi attorno anzi indagate, vi renderete conto che Resia è ormai in stato comatoso da parecchi anni. I veri problemi sono lì, sotto gli occhi di tutti.

    Impegnarsi in cose urgenti e costruttive, vi avrebbe resi credibili.

    Auguri .


    RispondiElimina
  56. ma paletti non era sindaco di Resia? lui cosa ha fatto?....a già era impegnato nella tutela della minoranza slovena

    RispondiElimina
  57. utente anonimo10 aprile 2008 23:15

    Caro Turan, vedi come scade il tuo blog quando intervengono delle persone della fatta del RESIAITALIA ??

    Peccato , peccato davvero.

    RispondiElimina
  58. Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu

    (la verità ti fa male, lo so)

    Ognuno ha il diritto di vivere come può

    (la verità ti fa male, lo so)

    Per questo una cosa mi piace e quell'altra no

    (la verità ti fa male, lo so)

    RispondiElimina
  59. utente anonimo11 aprile 2008 09:00

    Per RESIAITALIA, figliolo, occupati delle statistiche di Auditel, quelle che ti piacciono!! Questo blog stava diventando un'opportunità di scambio corretto di opinioni ma le tue "uscite" fanno venire meno l'impegno di quelli che tentano di avviare il tutto sui giusti binari. Sei di una superficialità disarmante, impreciso e presuntuoso, non sai nemmeno in che anno siamo, non è vero? Non sai cosa sia l'impegno disinteressato a favore di altri, tu spari senza aver mai alzato un dito in favore di alcuno. Troppo facile straparlare di persone che hanno dato la possibilità ad altre di avere un posto di lavoro più che dignitoso creandolo per i Resiani non certamente per se stesso, comincia ad essere obiettivo e fai un esame di coscienza, dovresti ringraziare visto che probabilmente anche tu ne godi. Non è vero forse?

    Ti ho provocato? Scusa sai, non lo farò più.

    RispondiElimina
  60. utente anonimo11 aprile 2008 09:05

    E' da sperare che non tutti i resiani siano di basso profilo come "RESIA ITALIA" altrimenti viene da dire che hanno quello che si meritano.

    RispondiElimina
  61. utente anonimo11 aprile 2008 13:09

    Tanto per tagliare la testa al toro. Ognuno dice la sua verità. Il fatto, però, rimane: abbiamo svenduto la Centrale Idroelettrica di Resia. Chi ci ha guadagnato? Non Resia, questo è sicuro. Lo sto dicendo da vari blog: era così difficile copiare Malborghetto? Si vede di sì.

    Caso Prevala. Come si evolverà? Muro contro muro del nostro sindaco che – non dimentichiamolo non governa da solo ma unitamente a Giunta e Consiglio – si risolverà in un esproprio per pubblica utilità? Derisione dei comuni limitrofi che ci additeranno come quelli che pensano solo al loro interesse? Chi vivrà vedrà. Li abbiamo (avete) votati e ogni popolo si merita il governante che ha.

    Parco. Chi ha notizie sul Parco? Chi può dare embrione a una discussione? Se non lo fa Turan perché non lo fa qualcun altro in possesso di notizie e poi si sviluppa l’argomento?

    RispondiElimina
  62. utente anonimo11 aprile 2008 15:05

    Tra l'una e l'altra strada, seguita e da poter seguire, c'è una sostanziale e fondamentale differenza. L'attuale amministrazione ha seguito la "via Politica" , la precedente quella del buonsenso. Infatti il COSINT è nelle "mani" di Tondo e tutto ruota sul fatto di poter avere a proprio vantaggio il beneficio proveniente dallo sfruttamento delle acque della Val Resia con il minimo sforzo, chiamarli opportunisti è poco. L'altra soluzione è basata sui benefici da trarre direttamente in vallata e tutti, tra l'altro, a favore della popolazione e con regole dettate in loco. La leggerezza con cui è stato trattato il problema non lascia dubbi, l'amministrazione sapeva benissimo tutto ma ha lasciato scorrere l'acqua verso quell'alveo. Ci sarà pur un motivo, come detto qui sopra, chi vivrà vedrà e poi chiedere consiglio a Dogna, Chiusaforte, Malborghetto oppure in Carnia, assolutamente no! Vedremo anche se l'acqua captata sarà sufficiente a far girare le turbine, qua e là si dice che ci siano delle difficoltà. Eppoi, chi se ne frega, il problema eventualmente sarà di chi verrà l'anno prossimo.

    Dunque, ricapitoliamo:

    1°- grana Centrale,

    2°- grana Prevala,

    3°- grana minoranza linguistica slovena,

    4°- incognita Parco e ..

    penso che basti a scoraggiare chiunque abbia voglia di tentare l'assalto alla sedia di Sindaco. Una ricca eredità da dover accettare, non per la grana o per il grana, eh nò. Il lavoro non mancherà, chi avrà la buona volontà si tentare l'avventura? Si dice di qua, si dice di là, però lo scenario non è dei migliori.

    Buona fortuna!

    Ora, caro 63, vediamo se qualcuno vorrà darci notizie sul Parco. Personalmente ne so più o meno come te, ma hai ragione nel voler affontare una quanto pur minima discussione. Sarebbe bello conoscere meglio la realtà di quell'Ente. E' stato costituito per le peculiarità naturalistiche della zona per poi diventare un bel volano in favore di tutta la valle ma fino ad ora ci sono solo pubblicazioni, insegne lignee ed anche, per fortuna, alcuni sentieri ripuliti e ricoveri montani ristrutturati. In tutti questi anni di attività pensavo si potesse fare di più. Chissà se qualche recente blogger può dirci qualche cosa!

    Saluti

    RispondiElimina
  63. utente anonimo11 aprile 2008 16:13

    Ma RESIAITALIA!

    Non nasconderti, non fare il bambino offeso adesso, perchè ti sei rifugiato nel tuo Blog? Nessuno ti farà del male in questo, ti è stato solo scritto di essere più obiettivo e null'altro!

    Hai la coscienza sporca?

    Nessun problema si può sempre rimediare no?

    Dai non fare così!!

    Sbuhon

    RispondiElimina
  64. utente anonimo11 aprile 2008 19:57

    Tra l'una e l'altra strada, seguita e da poter seguire, c'è una sostanziale e fondamentale differenza. L'attuale amministrazione ha seguito la "via Politica" , la precedente quella del buonsenso. Infatti il COSINT è nelle "mani" di Tondo e tutto ruota sul fatto di poter avere a proprio vantaggio il beneficio proveniente dallo sfruttamento delle acque della Val Resia con il minimo sforzo, chiamarli opportunisti è poco.


    Certo. Colto nel segno. Come si può rimediare? Nulla da fare fino al 2026, almeno questo lo dice Paletti. Altre carte – quelle ufficiali non si vedono – quindi bisogna fidarsi di una campana sola.


    L'altra soluzione è basata sui benefici da trarre direttamente in vallata e tutti, tra l'altro, a favore della popolazione e con regole dettate in loco. La leggerezza con cui è stato trattato il problema non lascia dubbi, l'amministrazione sapeva benissimo tutto ma ha lasciato scorrere l'acqua verso quell'alveo. Ci sarà pur un motivo, come detto qui sopra, chi vivrà vedrà e poi chiedere consiglio a Dogna, Chiusaforte, Malborghetto oppure in Carnia, assolutamente no!


    Perché non chiedere consiglio? Una comparazione potrebbe servire (non sapevo dell’esistenza della centrale di Dogna o quelle in Carnia e Chiusaforte non m’era neppure passata per la mente), tra molteplici idee, con gli opportuni miglioramenti, si può arrivare a qualcosa di decente. Navigare a vista in acque sconosciute non porta a niente.



    Vedremo anche se l'acqua captata sarà sufficiente a far girare le turbine, qua e là si dice che ci siano delle difficoltà. Eppoi, chi se ne frega, il problema eventualmente sarà di chi verrà l'anno prossimo.



    Questa affermazione mi spaventa. Ci sono voci che danno i consiglieri dell’attuale maggioranza pronti a candidarsi con altre liste il prossimo anno, quindi, avranno la certezza della rielezione. Spero proprio che non abbiano una tale faccia tosta ma facciano una lista per conto loro, altrimenti sì che le grane saranno maggiori.


    Dunque, ricapitoliamo:

    1°- grana Centrale,

    Siamo al buio. Solo una camnpana.


    2°- grana Prevala,

    Penso che il sindaco cerchi di fare la voce grossa mentre bene farebbe a tacere. Ha taciuto 7 anni contro la svendita di Resia può tacerne un altro.


    3°- grana minoranza linguistica slovena,

    Non si cambia una legge con soli 1000 elettori. Quindi, ora, si cristallizza e passata la buriana elezioni riaffiorerà, di tanto in tanto, giusto per far vedere che c’è qualcuno che la contrasta.



    4°- incognita Parco

    Il Parco è la più grossa incognita. Ho citato la tesi sul parco fatta dal Dott. Bortolotti. L’ho avuta in mano appena uscita, poi l’ho persa. Dalla lettura delle cifre risaltava che era un carrozzone pubblico. Gli stipendi sono una percentuale importante delle uscite. I vari gemellaggi non so che benefici abbiano portato visto che il bilancio nojn viene pubblicato neppure dal giornale del parco. Tutto segreto.


    Vedrai che i candidati sindaco non mancheranno c’erano sempre due liste a Resia, a volte c’era la terza, le ultime elezioni hanno visto 4 liste. Da quanto leggi sul blog quanti pensi si candideranno il prossimo anno?


    RispondiElimina
  65. utente anonimo15 aprile 2008 10:10

    Hai visto 66, hanno votato!! Ed ora l'avventura delle regionali/provinciali. Alla luce di quanto, come avevi anticipato, il prossimo anno ci saranno ancora minimo tre liste. E che popo di personaggi!! E' proprio vero la gente vuole essere sempre castigata, il solo lato positivo è che a Roma ci saranno meno ricatti parlamentari. Staremo a vedere!

    Saluti

    RispondiElimina
  66. utente anonimo15 aprile 2008 10:22

    Il prossimo anno ci saranno sicuramente tre liste a Resia. Spero solo che l’attuale maggiornaza abbia un minimo di dignità umana e non si ricicli in altre liste – come vox populi sta già anticipando -. Il popolo non vuole essere castigato, ragiona per benefici personali. D’altronde è la regola della democrazia. Dai un’occhiata a Resia, vedi chi sono gli “amici” e capirai perché è facile turarsi il naso per votare. A Roma funziona nella stessa maniera. Quanto ai ricatti vedremo. In Italia è sempre stato difficile governare perché non esiste un potere che governa ma tanti piccoli feudi che cercano di imporre la loro volontà al Re.

    RispondiElimina
  67. al 65

    non mi sono nascosto, o solo cose di meglio da fare (studio, lavoro e non c'erto grazie a qualcuno) che rispondere ad un anonimo. Non meriti risposte, perchè è nella vostra cultura offendere (Sei di una superficialità disarmante, impreciso e presuntuoso, non sai nemmeno in che anno siamo, non è vero?) e giudicare cosa devo fare gli altri. quindi meglio non scendere ai vostri livelli...tanto la gente ha capito i vostri interessi...

    RispondiElimina
  68. utente anonimo16 aprile 2008 12:50

    Resia studia di più per piacere certo e non C'ERTO.

    RispondiElimina
  69. è il bilinguismo che mi sta dando problemi...

    RispondiElimina