ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 27 settembre 2008

DIALETTI: UNA PROPOSTA DA SOSTENERE

Appena troppo un assalto ai contributi, piuttosto che un dovere morale e costituzionale, la presentazione della proposta di legge regionale di tutela dei dialetti, scrive il Messaggero Veneto. I dialetti e le parlate rappresentano un patrimonio importante della nostra storia e per questo sono amati e intensamente vissuti dalle comunità interessate. Sono anche tutelati dalla Costituzione. In Provincia di Udine poi, e in particolare nelle Valli del Natisone, del Torre e di Resia, rappresentano un insieme di peculiarità linguistiche che non si riconoscono nella lingua slovena, in cui oggi illegittime forzature vorrebbero costringerle, con la conseguenza di farle anche ingiustamente passare come di Nazionalità Slovena, contro la loro volontà. L'affermazione del consigliere regionale Igor Gabrovec della Slovenska Skupnost, che definisce la proposta di legge "proposta di stampo fascista per negare la presenza della lingua e della cultura slovena in Provincia di Udine", non trova poi alcun conforto nella storia dei slavofoni del Friuli, nelle loro aspirazioni e nemmeno nelle recenti elezioni regionali dove il suo partito ha ottenuto nell'intera provincia solo lo 0,28% dei voti, contro il 15% richiesti dalla legge. Pertanto, riconoscere e sostenere anche con contributi finanziari i dialetti e le parlate locali è un dovere morale, rispettoso della storia locale, della Costituzione Nazionale e della Carta Europea dei diritti che vieta la descriminazione.


Sergio Mattelig


Presidente della Lega della Slavia Friulana


Articolo tratto dal Messaggero Veneto di sabato 20 settembre 2008

Nessun commento :

Posta un commento