ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 27 ottobre 2008

La Lega Slava e I.T.V.R. sono state ricevute dal Prefetto

Il Prefetto di Udine, Ivo Salemme, ha incontrato nei giorni scorsi i rappresentanti della Lega della Slavia Friulana e dell'Associazione  Identità e Tutela Val Resia, sodalizi impegnati nel contrastare l'assimilazione delle comuità slavofone del Friuli alla minoranza slovena di Trieste."L'incontro - fanno sapere dalle due associazioni - era stato chiesto anche in conseguenza dell'opposizione levatasi nei confronti dell'iniziativa di alcuni consiglieri regionali, fra cui il cividalese Roberto Novelli, tendente a prevedere una tutela delle parlate dei dialetti locali, tramandati oralmente per secoli: tale opposizione - si ricorda - sosteneva, senza però alcun riscontro nella storia e nei dati di fatto, che questi dialetti sono già tutelati dalla legge attuale. Abbiam invece chiarito al prefetto che le spettative  e le aspirazioni delle comunità linguistiche del posto, mai state slovene, sono quelle di una tutela legislativa specifica delle propie peculiarità linguistiche, appunto, culturali e tradizionali, nel rispetto di una storia che è sempre stata isolata da quella della vicina nazione slovena. Al dottor Salemme sono state anche esposte "le gravi e ripetute forzature nell'applicazione della legge 38/01 in provincia di Udine", sfociate nell'inclusione nell'ambito di tutela anche di 16  Comuni della Slavia Friulana.

Nessun commento :

Posta un commento