ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

martedì 14 aprile 2009

LA LEGA ATTACCA MARINIG,OK A MANZINI

San Pietro al Natisone: Volantino sulla questione del bilinguismo nelle Valli.


I cittadini di San Pietro al Natisone hanno appreso che l'ex sindaco Giuseppe Marinig non si ripresenterà alle elezioni di giugno con la sua lista "La Nostra Terra" ma che rietrerà nella "Lista Civica", da lui abbandonata nel 2004 perchè giudicata incapace di spendere in tempi ragionevoli cotributi ottenuti e fortemente influenzata da alcune associazioni slovene: la Lega della Slavia Friulana ha distribuito, nei giorni scorsi,  un volantino che accende il clima da campagna elettorale nel capoluogo valligiano e che, tacciando di incoerenza l'ex primo cittadino plaude all'opperato del sindaco in carica,Tiziano Manzini. E' stata la sua lista, "Rinnovamento Nuova San Pietro" -si afferma infatti-, a dire no al bilinguismo italo-sloveno a San Pietro al Natisone, nel rispetto della millenaria storia locale. Rinunciando alla sua lista, Marinig  torna invece ad un gruppo che-sotto il sindaco Bruna Dorbolò, poi diventata presidente dell'Istituto per la cultura slovena di San Pietro al Natisone- approvò un documento comunale in cui si  affermava che il Comune di San Pietro, assume lo sloveno quale elemento della propia identità storico-culturale. E nella Lista civica Marinig troverà pure giovan irappresentati sloveni. Il capogruppo consiliare di minoranza Simone Bordon si è già dicharato di lingua slovena; il consigliere Fabrizio Dorbolò, da parte sua, è stato candidato sloveno dell'Arcobaleno alle elezioni 2008. Cosa faranno i 300 elettori che nel 2004 hanno votato la Lista "La nostra terra" perchè anch'essi ritenevano la Lista civica troppo filoslovena? Chi non si riconosce nella minoranza slovena, cioè di patria slovena, a giugno se lo ricordi.


Questo articolo tratto dal Messaggero Veneto di Domenica 5 Aprile 2009, è veramente molto interessante, e dimostra come anche nelle Valli del Natisone, ci sia del  fermento popolare a favore della difesa delle propie radici storiche.

Nessun commento :

Posta un commento