ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

venerdì 14 settembre 2012

CENTRO CULTURALE RESIANO news

NOTIZIE DALL'ESTERO (Slovenia)

I Media Sloveni evidenziano il problema.
Come mai tanto interesse?



sito sloveno1

sito sloveno 2

sito sloveno 3 ( rtv slovenia )
Da segnalare che questo è il sito della TV  di Stato Sloveno, e l'articolo ha un titolo che dice tutto :  SLOVENCI  V  ITALIJI  =  SLOVENI IN ITALIA.
Vuoi vedere che per loro Noi Resiani .................. e vengono a difesa di chi?
Nomi e Cognomi.
E perchè?
Ma il Centro Culturale Resiano deve essere un Centro semplicemente RESIANO o SLOVENO?

sito sloveno 4

sito sloveno 5
Da segnalare che da questo articolo si legge che vogliano segnalare la cosa direttamente a Roma tramite le istituzioni per la difesa degli Sloveni che vivono in Italia.





3 commenti :

  1. RESIA TUTTA – SVEGLIA
    Ci stanno prendendo per i fondelli, grazie ai nostri resiani, che per volontà Divina, da primordiali resiani, dati in vita da genitori nativi e originari di Resia, sono diventati improvvisamente un gruppo, di esigue persone, che si dichiara di appartenere alla minoranza slovena a Resia, quindi compresi nella comunità nazionale slovena, senza meriti e titoli, senza origini e principi. Vergognatevi, state calpestando le nostre radici, i nostri valori, le nostre tradizioni. Questa sarebbe dunque la nostra nuova generazione, quella discendenza che ci vuol far vivere una novella primavera resiana? Non avete ancora capito che vi usano come cardine per aprire a loro le porte per arrivare a Resia ed introdursi, senza vanagloria, per impossessarsi del nostro essere e del nostro esistere. Siete e venite usati, strumentalizzati, in più vi dichiarate minoranza slovena nel comune di Resia, senza capo né coda, poveri illusi. Non sono bastati i giornali: Novi Matajur, Dom e Primorski, ma si è mossa e avete indotto a procedere a vostro favore anche buona parte della stampa slovena, perché? Che cosa bolle in pentola? Perché tanto interesse? Qui il folklore conta poco e niente, è stata lesa la vostra arroganza e la vostra presunzione, allora reagite in quel modo. E’ stata lesa la vostra certezza e la vostra affidabilità e nel vostro atteggiamento non si intravvede nessuna umiltà e nessun valore caratteriale. Siete pieni di rancore solo perché i resiani si vogliono riappropriare di quello spazio e di quei diritti che voi avete e state contravvenendo alle più elementari regole della vita. Vi siete dichiarati diversi, perseguite una strada diversa, ignorando i vostri doveri, reclamando soltanto i vostri diritti, quei diritti che appartengono anche a quei resiani che non fanno parte e non si dichiarano di appartenere a nessuna minoranza, liberi e senza alcun vincolo di asservimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "NOTIZIE DALL'ESTERO (Slovenia)" ..è un luogo lontano oltre ad una montagna, che faceva da confine politico, ora è solo geografico, ma è comunque troppo. Per quanto riguarda i nativi RESIANI loro non erano di origine italiana, le radici resiane sono vicine a quelle slovene, l'Italia è venuta dopo usandovi come cardine per introdursi in una comunità che italiana non era.Vi dichiarate tali senza rendervi conto che vi hanno fatto sbandierare le loro bandiere impossessandosi del vostro essere e del vostre esistere come RESIANI! Vi siete dichiarati diversi, perseguite una strada diversa reclamando l'apprtenenza all'Italia, che già c'è, mostrando più legami con l'Italia che con la vera essenza di Resia stessa.

      Elimina
  2. Caro Miroslav Ilic, il luogo oltre, la montagna ora non è solo confine geografico ma anche politico perchè ogni nazione, pur appartenente alla CE, fa chiaramente la sua politica, sia interna che estera. Se i nativi resiani non erano di origine italiana così non erano e non sono nemmeno di origine o con radici slovene. La politica resiana, se permetti, lasciala fare a noi resiani, sappiamo quello che vogliamo, pertanto ti invitiamo, assieme a tutti quelli che vogliono mettere il naso nelle facende resiane, di rimanere quieti oltre il Canin, così come di essere meno critici e meno polemici in facende che non vi riguardano. Resia è Resia e basta.

    RispondiElimina