ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

mercoledì 19 settembre 2012

CIVIDALE DEL FRIULI NON SARA' MAI SLOVENA


Scoppia il caso dello sloveno sul gonfalone

Lingua slovena, sul gonfalone dell’Unione dei Comuni delle vallate del Natisone? Scoppia il caso. Scoppia con tempismo perfetto, da bomba a orologeria, posto che proprio ieri è iniziata – fra Cividale, il suo entroterra e le valli del Torre – una visita istituzionale del vicepremier della repubblica di Slovenia Ljudmila Novak, che si tratterrà in loco fino a questa sera. L’eventualità della dicitura in sloveno (Gorska Unija Nediske Doline) è stata prospettata da un periodico locale, che facendo esplicito riferimento all’amministrazione di Drenchia ha scatenato le ire di due suoi esponenti, gli assessori Luca Trusgnach e Francesco Romanut: «Si è detto – protestano gli interessati – che la nostra amministrazione si è fatta promotrice dell'iniziativa della denominazione bilingue. Ci dissociamo totalmente: non siamo mai stati interpellati in merito e non abbiamo sottoscritto alcun documento presentato dal sindaco (o suo delegato) dell’Unione. Anzi: ci dichiariamo contrari all’inserimento dello sloveno nello statuto e chiediamo che, invece, si adotti il natisoniano, il nostro dialetto».
Si unisce al battibecco il consigliere regionale del Pdl Roberto Novelli, che della delicata questione (bi)linguistica ha fatto un suo cavallo di battaglia e che per l’occasione scomoda George Clooney, adattandone un celebre spot: «No money no sloveni.



Le organizzazioni più rappresentative della comunità slovena, la Sso e la Skgz, esortano ad evidenziare negli statuti delle nascenti Unioni montane l'identità nazionale slovena della popolazione valligiana. Sono sempre più convinto del fatto che il continuo tentativo di azzerare la parlata del posto, sostituendola con lo sloveno, sia legato alle valanghe di denaro che arrivano alle minoranze, tutelate da leggi che le ricoprono di soldi».
I centri delle vallate del Natisone, intanto, stanno dunque ricevendo la vicepremier: il tour ha già toccato San Pietro al Natisone, il Comune di Drenchia, Tercimonte e la grotta di Antro, oltre che la sede della Comunità montana. Oggi la Novak sarà ricevuta, alle 9, dal sindaco di Cividale Stefano Balloch; quindi trasferimento a Lusevera, per visitare il museo etnografico; infine Taipana e Prossenicco.

FONTE ( tratto dal Messaggero Veneto del 18 settembre 2012)

1 commento :

  1. "il nostro dialetto"...dialetto variante della lingua slovena!

    RispondiElimina