ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 17 settembre 2012

Slovenia: Oh? Ma … Sapevate che sta Fallendo?


Ma tu guarda, abbiamo uno stato confinante con cui abbiamo più che discreti rapporti economici che sta fallendo e…. non lo sa nessuno in Italia. Sarà forse che la notizia non si accorda con il mainstream ufficiale del “Euro è bello, Europa è bellissima e tutto va bene madama la marchesa?

La Slovenia è entrata nell’area euro il 1 gennaio 2007 accompagnata da lodi sperticate sullo stato di salute delle sue finanze pubbliche (ma vi ricordate Mortadella Prodi durante le celebrazioni a Lubjiana????) e oggi, a distanza di neanche sei anni, è già pronta a chiedere gli aiuti di stato a Bruxelles. E, come se non bastasse, all’interno dell’esecutivo di Lubiana si è creata una divergenza di vedute fra il primo ministro, Janez Jansa, e il suo ministro delle Finanze, Janez Sustersic, che complica ulteriormente le cose. Jansa prevede la bancarotta del Paese già a ottobre senza nuove emissioni di titoli di stato, Sustersic si dice invece convinto che la Slovenia ce la possa ancora fare da sola varando velocemente importanti riforme come quella del sistema pensionistico e del mercato del lavoro, nonché vendendo le partecipazioni statali.
Al momento, però, per il piccolo Paese al confine italiano (2 milioni di abitanti) l’accesso al mercato dei titoli governativi è di fatto molto difficoltoso. Lo stesso Sustersic, in un’intervista al quotidiano austriaco Die Presse, ha però dovuto ammettere che “entro la fine dell’anno, noi potremmo avere bisogno di mezzo miliardo di euro”, per poi aggiungere rassicurante: “La Slovenia ha più possibilità ma è vero che una emissione di obbligazioni di Stato entro la fine del 2012 possa essere utile”. Proprio come in Spagna, però, il vero problema della Slovenia sono le banche. Il caso più grave, nonchè la maggior banca del Paese, è la Nova Ljubljanska Banka (NLB), che è controllata al 64% dallo Stato, con i suoi 2,1 miliardi di euro di sofferenze (dato di un rapporto segreto stilato dall’esecutivo in collaborazione con la Banca centrale slovena e finito sulla stampa di Lubiana). Sono però in seria difficoltà anche la seconda e la terza banca del Paese, Nova Kreditna banka Maribor (NKBM) e Abanza (600 milioni di euro di sofferenze ciascuna), anch’esse entrambe con lo stato come azionista di maggioranza. Fra i maggiori debito della NLB ci sono la SCT, con 187 milioni di euro di prestiti, in passato la maggiore azienda edilizia del Paese, ma anche il fondo di investimento Zvon, con 115 milioni, fondato dalla Chiesa cattolica slovena e fallito dopo il crollo delle borse alcuni anni fa.
L’agenzia Moody’s ha calcolato che per risanare il settore bancario, Lubiana dovrebbe investire una cifra pari all’8% del suo prodotto interno lordo. Esistono però altre stime di esperti sloveni che pongono l’asticella al 20% del Pil. “Le chance che la Slovenia ce la possa fare da sola senza aiuti europei sono praticamente nulle – ha dichiarato pochi giorni fa all’agenzia austriaca Apa Zakrajsek – L’unica cosa che non si può prevedere con certezza è se le casse dello stato saranno vuote nel mese di ottobre o in quello successivo”.
Questo è il quadretto generale, ma c’è di più e di peggio, il ministro delle finanze Sloveno Janez Šušterši ha ammesso candidamente che la Slovenia ha bisogno di 500 milioni di euro entro fine anno altrimenti sarà crac. Tanto per essere chiari o i soldi arrivano o a fine Ottobre Lubijana potrebbe cessare i pagamenti.
Ma che volete che sia, solo 2 milioni di abitanti.
Robetta, ovvio che non se ne parli sui media sussidiati.


FONTE

Nessun commento :

Posta un commento