ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

domenica 11 novembre 2012

Stolvizza: crollata la passerella “dei podisti”, abbattuto il manufatto del percorso “Ta lipa pot”

Il maltempo che nei giorni scorsi ha interessato l’Alto Friuli, ha inferto un duro colpo all’associazione ViviStolvizza. Le acque del fiume Resia infatti, ingrossate dalla pioggia, hanno abbattuto il ponte utilizzato per il percorso circolare “Ta lipa pot”.
Un tracciato che negli anni ha assunto una valenza molto importante per il territorio, grazie alla sua frequentazione da parte di tanti appassionati, podisti, escursionisti ma anche di turisti della domenica. Nel periodo invernale il percorso resta chiuso, ma c’è preoccupazione sui tempi del ripristino della passerella. «Il percorso circolare – spiega il coordinatore del progetto Sentieri, Giuliano Fiorini – dovrebbe riaprire sabato 30 marzo 2013, ma per riuscire ad avere il tracciato perfettamente agibile, sarà necessario intervenire con grande impegno finanziario e tanto lavoro di volontario per rimettere al suo posto la passerella. Siamo particolarmente in ansia – aggiunge – per il reperimento di fondi che, in un momento così difficile, rappresenterà veramente una grande scommessa». Ma l’Associazione di Stolvizza vuole guardare con ottimismo al futuro e si appella a quanti conoscono questo percorso circolare chiedendo una fattiva collaborazione per sostenere, attraverso un piccolo contributo, le spese necessarie per rimettere in piedi il ponte. Dovranno essere raccolti circa 3.500 euro e tutti gli interessati potranno effettuare un versamento sul c/c postate 41933490 intestato all’associazione “ViviStolvizza” con la casuale “Contributo per un ponte verso il futuro”.

Tratto dal Messaggero Veneto dell'11 novembre 2012

Nessun commento :

Posta un commento