ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 23 marzo 2015

RIAPRE IL CENTRO VISITE DEL PARCO A PRATO DI RESIA

Sabato 21 marzo il Parco naturale delle Prealpi Giulie saluterà la primavera con la riapertura del Centro visite di Prato di Resia. La struttura si presenterà rinnovata soprattutto per l’utenza straniera, sempre più presente negli ultimi anni, che potrà godere delle traduzioni in inglese e sloveno di filmati e allestimenti presenti.

La saletta espositiva inoltre ospiterà alle 17 l’inaugurazione della mostra fotografica “LA COLORATA VARIETÀ DELL’AVIFAUNA DEL PARCO”.
Si tratta di una trentina di scatti di grande suggestione dell’appassionato fotografo dell’Alta Val Torre Luciano Mattighello che mettono in luce una parte significativa dell’eccezionale patrimonio faunistico che caratterizza l’area protetta.
Gli studi condotti da esperti del settore hanno infatti evidenziato come nel Parco siano oltre 120 le specie di uccelli nidificanti, alcune delle quali facenti parte di quelle particolarmente protette dall’Unione Europea per rarità e rischio di estinzione.
Le fotografie hanno il pregio di catturare gli uccelli nel loro ambiente naturale testimoniandone la grande variabilità: si passa così dalle piccole simpatiche cince, ai neri gracchi compagni delle escursioni in quota, ai curiosi rapaci notturni, agli eleganti galliformi alpini; senza dimenticare la timida coturnice simbolo del Parco.
Mattighello, fotografo non professionista, da anni percorre i sentieri montani delle Prealpi Giulie alla ricerca di scatti in cui possa trovare rappresentazione la sua passione per il mondo della fauna e dalle immagini esposte riesce a far trasparire questa partecipato coinvolgimento con la natura che ci circonda.
Ecco dunque che la mostra può rappresentare uno stimolo per il visitatore ad avvicinarsi ancora di più al mondo dell’avifauna; ad informarsi, a ricercare, a guardare, a scoprire con l’attenzione ed il rispetto che tutte queste specie meritano.
Quel rispetto che deve sempre contraddistinguere chi frequenta le aree protette dove ci si immerge da ospiti in una natura popolata da esseri viventi diversi da noi.
Proprio in tal senso in occasione dell’inaugurazione il Parco fornirà a quanti interessati una pubblicazione sull’avifauna dell’area protetta.
La mostra resterà aperta ogni giorno da sabato 21 marzo a domenica 26 aprile con orario 9.00 – 13.00 e 14.00 – 17.00 (lunedì esclusi).

Nessun commento :

Posta un commento