ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

venerdì 29 gennaio 2016

Al Signor Renato Quaglia

A seguito dell'articolo LE BUGIE DI SANDRO QUAGLIA? il Signor Renato Quaglia ci risponde su facebook scrivendo:



Renato Quaglia Allora: 1) l'articolo tratto dal Messaggero Veneto qui postato è molto meno articolato e puntuale di quello di Sandro Quaglia, apparso sulla rivista DOM il giorno 15 gennaio 2016 e non il 19 il cui titolo non è''Resia, medie salve grazie agli sloveni'', bensì ''La scuola media salva grazie alla minoranza slovena''. Quindi ben dieci giorni dopo. Al fine di rendere chiaro l'intento dello scritto, Sandro Quaglia intesta:''Effetti positivi della legge di tutela 38/2001''. A parte che di questa legge usufruisce, in pieno, anche il Comune di Resia, nonostante le ricorrenti raccolte di firme-ultima quella che si vorrebbe lanciare per sganciare Resia dalla stessa-fa senso lo stravolgimento sia del testo che del senso del testo, Quel''grazie agli sloveni'',introdotto indebitamente, la dice lunga sulla decennale/viscerale contrarietà ad una legge che porta solo benefici, non ultimo quello relativo alla permanenza della scuola primaria a Resia,come sottolineato dall'insegnante referente che di certo slovena non è. 2) Quali sarebbero le bugie di Sandro Quaglia? Tanto è vero che, per non passare in odore conclamato di FALSITA', avete pensato bene di metterci un bel punto interrogativo. Con una furbata: quella di far apparire agli sprovveduti che fosse stato DOM/SLOVIT a scrivere quella frase con quel punto interrogativo in fondo, dietro al cognome Qualglia(sic! E Freud se la ride nella tomba). 3) Vorrei ricordare che la Minoranza Slovena non è la Slovenia, ovvero che fa parte integrante dell'ORDINAMENTO ISTITUZIONALE DELLO STATO ITALIANO IN TUTTE LE SUE ARTICOLAZIONI. Per cui gli appartenenti alla minoranza slovena in Italia sono in tutto e per tutto cittadini italiani compresi i resiani: SIA QUELLI CONTRO CHE QUELLI PRO ALLA 38.. 4)Conoscendo bene, per esperienza diretta, le precedenti iniziative attivate per certificare la volontà dei resiani di essere resiani e non sloveni-perchè non friulani o italiani o francesi o inglesi o Tatari o Tungusci...tanto per confermare la SPECIFICITA' resiana a livello globale?- per come sono stati posti i quesiti e le modalità di conduzione del sondaggio, sarebbe opportuno che venisse data una informazione corretta e pertinente;che le eventuali firme fossero GARANTITE da un organo INDIPENDENTE, debitamente CERTIFICATE e RATIFICATE dagli organismi preposti per legge: come Sociologia insegna e democrazia vuole. Ma forse si chiede troppo, dal momento che fra un anno ci saranno le elezioni. ll CAVALLO DI BATTAGLIA va MESSO A PUNTO E STRIGLIATO per tempo.

Nostra risposta:

L'illustre Renato Quaglia parla di bugie, ma al punto 3 scrive ""vorrei ricordare che la minoranza slovena non è la slovenia.......per cui gli appartenenti alla minoranza slovena in italia sono in tutto e per tutto cittadini italiani e resiani"". Peccato che l'illustre si sia perso le disposizioni dei suoi superiori del governo sloveno che parlano di ""mantenimento e dello sviluppo dell'identità culturale e linguistica della comunità nazionale slovena"" di cui fanno parte i resiani, quelli pro e quelli contro.
Vorrei sapere come fa il Quaglia a conoscere il quesito che ancora nessuno ha mai visto. Vorrei sapere anche di quale sondaggio parla. Quindi le bugie? le firme dovranno essere garantite dai falsi resiani asserviti agli sloveni?

4 commenti :

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. ritorna il cancellatore delle sue frasi (sarà stato autorizzato a scrivere nuovamente?) che ancora non sa se è sloveno, italiano, resiano. ora sappiamo che è anche, come minimo, professore perché ci tratta da alunni. Fra poco ce lo ritroveremo ministro sloveno che andrà a piangere in Europa o nel mondo dicendo che ai Resiani non importa in fico secco di quello che dicono gli sloveni? buona lacrimazione. Gli unici asserviti sono i resiani agli sloveni. I Resiani sono slavi e Italiani e quindi non sono asserviti a nessuno, egregio professore. Oltre allo sloveno, croato,ecc. impari l'italiano. Attendo nuova cancellazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina