ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 9 gennaio 2016

EPIFANIA ( Penahti ) o della questua ( Koleda) tratte da Memorie di vita resiana di Giovanni Clemente

Di Graziella Clemente

Emoticon winIl termine "Penahti" non l'ho mai sentito,forse qualcuno però è probabile che lo conosca.
Il termine "Penahti" non l'ho mai sentito,forse qualcuno però è probabile che lo conosca.
Nell'articolo,di seguito riportato, si risolve anche l'enigma della canzone cantata da Re Magi,in Friulano e non in Resiano.

"...in tale occasione ha luogo la benedizione delle case...e per tale avvenimento sono mobilitati le mamme, le giovani, i ragazzini...Le mamme per confezionare ai figlioletti il sacchetto della questua, le giovani per le pulizie in modo da presentare l'abitazione in perfetto ordine per la benedizione e gli altri per organizzarsi a gruppi distinti per età appunto per il giro.
Il Sacerdote inizia la benedizione immediatamente dopo il pranzo seguito da un codazzo di bambini e giovinetti con i loro sacchetti di tela e generalmente vengono accontentati quasi tutti con offerte in generi di consumo : un pugno di farina di mais, frutta, una fetta di buìardnik, ecc. o denaro ...
Al calar delle tenebre si mettono in moto "i grandi" qualcuno dei quali accompagna la brigata con strumenti vari: o la zitira e la bùncula tradizionali o il mandolino o la fisarmonica....Per i "grandi" la festa continuava fino alle ore piccole perchè con la farina di mais, le noci e nocciole raccolti veniva confezionato e cotto il dolce resiano che va sotto il nome di "buiàrdnik"....
Verso gli ANNI 30 hanno fatto fortuna in detta questua alcuni giovanotti di Comuni vicini (c'era tanta miseria) i quali si presentavano con una grande "Stella" girevole e cantando una filastrocca di cui ricordo solo qualche passaggio: " Us salude duc' duc', ancje il Curucucuc" e con la chiusura: Tornarin un altri an plui adore di chest an..."
Foto Roger Di Lenardo - Coleda sangiorgina anni '74/'75


-------------------------------------------------------------

Koleda a Oseacco

di Sega Alberto

KOLEDÄ
La vigilia dell'Epifania “ pernähte “ alla mattina, i bambini del paese passano di casa in casa a fare gli auguri, il tradizionale canto che usavano nelle altre frazioni a oseacco non si usava, e ricevere farina, mandarini, noci noccioline, mele, biscotti, caramelle ecc.
All'imbrunire invece, passavano i ragazzi e coscritti ventenni che col raccolto, a questi venivano donati anche; salsicce, salsicce, uova, vino e bibite varie, il che portava a casa di qualche amico, dove vengono ospitati a fare la cena, con grande allegria.
Con questo gesto il donato veniva nella logica del buon augurio, auspicio positivo per l'anno nuovo.


Nessun commento :

Posta un commento