ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 20 febbraio 2016

RTV SLO (sito tv slovena) scrive: La lingua slovena ha un dialetto che la maggior parte sloveni non riescono a capire

Articolo tradotto tramite Google Traduttore:

8. settembre 2015 ob 06:20 
Lubiana - MMC RTV SLO
I viaggiatori di guida da Tarvisio a Udine nel nord-est Italia possono notare un cartello che indica verso la Valle di Resia. Se decidono di entrare nella bella ma remota e poco popolata valle, perché vedano altri segni in due lingue: italiano, e un linguaggio che sembra un po 'come slovena, ma con caratteri tale C, E, e W - lettere del tutto aliene per la lingua slovena.

Questo è il dialetto resiano della lingua slovena. Isolato per secoli da altre aree di lingua slovena da alte cime delle Alpi Giulie, resiano è un tesoro per i linguisti. Analizzando un dialetto che si è sviluppato separatamente dagli altri dialetti sloveni, e ha mantenuto tali caratteristiche "esotiche" come il tempo aoristo, i ricercatori possono imparare di più su come la lingua slovena si è cambiata nel corso dei secoli.
Per la maggior parte degli altoparlanti sloveno, il dialetto resiano è un mistero. Ogni volta che documentari sulla cultura resiano sono mostrati in televisione slovena, il dialetto è costantemente sottotitolato. In caso contrario, semplicemente non sarebbe capito da altri oratori sloveni. L'alfabeto, che viene utilizzato in pubblicazioni e sui segni in tutta la valle, allo stesso modo dispone di numerosi personaggi che non si trovano in alfabeto sloveno, e dei finanziamenti romanze abbondano.
Non è solo il dialetto che rende unico Resia. La valle è anche noto per le sue danze tradizionali, e un ricco patrimonio musicale con canzoni che suonano vagamente celtica.
Pertanto, non è forse sorprendente che Resians sono fare con una crisi di identità di genere. Molti di loro si considerano di essere sloveno, ma altri insistono sul fatto che sono principalmente resiano.Alcuni addirittura dicono di avere discendenza russa. Queste divisioni interne hanno portato a tensioni tra autorità slovene e italiane su come il Resians dovrebbero essere ufficialmente classificati.
Qualunque sia il loro status formale, le Resians stanno mantenendo la loro identità antica e unica vivo continuando a preservare le tradizioni che sono state tramandate di generazione in generazione.Un centro culturale è attiva nella valle, gli scolari ricevono alcune lezioni in dialetto resiano, e gli abitanti producono i loro propri bollettini così come un programma radiofonico.
Che la loro identità unica è sopravvissuto, anche se l'ambiente montano aspro ha costretto molti Resiani ad emigrare in tutto il mondo nel corso degli anni, è di per sé un po 'un miracolo.
Jaka Bartolj

Articolo originale:

The Slovenian language has a dialect that most Slovenians can’t understand

Slovenia Revealed
8. September 2015 ob 06:20
Ljubljana - MMC RTV SLO
Travelers driving from Tarvisio to Udine in northeastern Italy may notice a sign pointing towards the Resia Valley. If they decide to enter the beautiful but remote and sparsely populated valley, they may see other signs in two languages: Italian, and a language that looks a bit like Slovenian, but with characters such a ć, ë, and w – letters quite alien to the Slovenian language.
This is the Resian dialect of the Slovenian language. Isolated for centuries from other Slovenian-speaking areas by high peaks of the Julian Alps, Resian is a treasure trove for linguists. By analyzing a dialect that developed separately from other Slovenian dialects, and retained such “exotic” features as the aorist tense, researchers can learn more about how the Slovenian language itself has changed over the centuries.
For most Slovenian speakers, the Resian dialect is a mystery. Whenever documentaries about Resian culture are shown on Slovenian television, the dialect is consistently subtitled. Otherwise, it simply wouldn’t be understood by other Slovenian speakers. The alphabet, which is used in publications and on signs throughout the valley, likewise features numerous characters that aren’t found in the Slovenian alphabet, and Romance borrowings abound.
It’s not just the dialect that makes Resia unique. The valley is also known for its traditional dances, and a rich musical heritage with songs that sound vaguely Celtic.
Therefore, it’s perhaps not surprising that Resians are dealing with an identity crisis of sorts. Many of them consider themselves to be Slovenian, but others insist that they are primarily Resian. A few even say they have Russian ancestry. These internal divisions have resulted in tensions between Slovenian and Italian authorities over how the Resians should be officially classified.
Whatever their formal status, the Resians are keeping their ancient and unique identity alive by continuing to preserve the traditions that have been passed down from generation to generation. A cultural center is active in the valley, schoolchildren receive some lessons in the Resian dialect, and residents produce their own newsletters as well as a radio program. That their unique identity has survived, even though the harsh mountain environment has forced many Resians to emigrate around the world over the years, is itself somewhat of a miracle.
Jaka Bartolj

20 commenti :

  1. Non lo capiscono, il resiano, perché non è sloveno mi sembra chiaro.
    Che poi lo dicano anche eminenti studiosi a loro non interessa.
    Hanno altri interessi.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Le Teorie si costruiscono quando non ci sono basi scientifiche a cui fare riferimento. Vogliamo prendere atto che i Resiani appartengono ad un'etnia diversa dagli sloveni e che quindi non possono avere radici linguistiche nello sloveno??

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il test genetico ha dimostrato che non c'è parentela neanche lontanamente con gli Sloveni. Durante i secoli siamo diventati solo e unicamente Resiani.È inutile arrampicarsi sugli specchi.....SOLO RESIANI

      Elimina
    2. A proposito de fondatori. ..leggevo che con il test eseguito si può facilmente risalire ai fondatori:non sono ovviamente sloveni.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Infatti il Resiano è una Lingua slava arcaica. Il ceppo slavo che ha dato origine ai Resiani (slavi orientali)non è però lo stesso che ha dato origine agli sloveni (slavi meridionali) da qui la sua unicità.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Non so quale sia la situazione degli sloveni so solo che nel sangue dei Resiani ci sono geni di popolazioni caucasiche di 2000 anni e che non hanno la minima parentela con gli Sloveni e con altre popolazioni europee. Sui risultati scientifici Non si discute. Buona serata!

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    8. Andrea, come le dicevo è inutile arrampicarsi sugli specchi....non si tratta di briciola di prova scientifica, ma di una scoperta eccezionale che demolisce completamente certe teorie che non stanno più in piedi. I risultati scientifici sono visibili on-line e se desidera delle risposte più esaustive deve rivolgersi agli esperti che hanno effettuato il Test (Parco genetico BurloG. -Trieste). La saluto, per me il discorso è chiuso! Buona serata!

      Elimina
    9. Andrea, come le dicevo è inutile arrampicarsi sugli specchi....non si tratta di briciola di prova scientifica, ma di una scoperta eccezionale che demolisce completamente certe teorie che non stanno più in piedi. I risultati scientifici sono visibili on-line e se desidera delle risposte più esaustive deve rivolgersi agli esperti che hanno effettuato il Test (Parco genetico BurloG. -Trieste). La saluto, per me il discorso è chiuso! Buona serata!

      Elimina
    10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    11. Oh...finalmente stiamo parlando solo di Resiani!😊😉Buona serata!

      Elimina
  6. Pur considerando anomalo, se così vogliamo parlare e commentare l’articolo che è apparso su RTV SLO (sito tv slovena) che scrive: La lingua slovena ha un dialetto che la maggior parte degli sloveni non riescono a capire, ma non si può tacere e rimanere passivi davanti a tante sciocchezze che vengono elencate.
    Per prima cosa il dialetto resiano non è un dialetto sloveno, che voi chiamate dialetto perché vi fa comodo, ma che noi consideriamo lingua, la nostra lingua, perché è considerata una lingua, il resiano. Il resiano non è un mistero, viene parlato e tramandato oralmente da ben 1500 circa, quindi dove sussiste il mistero. Se è un vostro dialetto perché quando è stata assemblata la vostra lingua dialettale non è stato incluso anche, come voi lo chiamate, il dialetto resiano? Qui si che si valuta sul presunto mistero.
    È evidente che i documentari sulla cultura resiana vengano sottotitolati perché non sarebbe altrimenti capito. La stessa valutazione la fa un resiano: “SE JE KAPÏJË FYS KAKO KAKO BISIDO, MA SA JI NI KAPÏJË”
    Viene poi affermato che: “Non è solo il dialetto che rende unica Resia.La valle è anche nota per le sue danze tradizionali, e un ricco patrimonio musicale con canzoni che suonano vagamente celtica.” Forse il tanto interesse per la Val Resia risiede in questa affermazione – Unica.
    Non esiste, poi, alcuna crisi identitaria perché tutti i resiani si considerano nella totale identità resiana. Le divisioni interne, se ci sono, non sono per la propria identità, ma per lo più di comodo e di interesse. Le tensioni sono vostre esclusive specialità di intromissione perché ufficialmente i resiani sono semplicemente classificati – Resiani di Resia.
    Per ultimo, se il resiano, come lingua, ha mantenuto le proprie caratteristiche “esotiche”, questo vuol dire che ha sempre avuto una civiltà molto diversa da quella slovena, povera di una propria cultura e che necessita di emanciparsi trovando sostegno da altre culture, si anche da quella resiana.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brevemente. lo sloveno carinziano bisogna ricordare che il carniolino non è sloveno in quanto la lingua standard slovena è stata confezionata solo dopo la metà del 1800 e che la Corniola (kraniec,kraniskj) era un ducato in possesso di lingua e bandiera propri. E proprio in questi ultimi anni a Resia,come allora, grazie ai caporioni cragnolini, manipolati ad hoc dagli sloveni,hanno fatto si che diventassero sloveni nello stesso modo in cui oggi si tenta di impadronirsi di Resia. Vorrei sapere da Andrea dove è la madre patria della slovenia, visto che quella che stanno santificando è stata usurpata ai carniolini. Vedere carte geografiche. Le terre che riportano nomi slavi mi pare che siano solo in Slovacchia che è nazione a se ed è abitata da serbo-croati e gli stessi serbo-croati sono gli abitanti della regione magiara della slavonia (ungheria). C'è poco da esaltare che il popolo sloveno è arcaico. Fanno bene a fare l'8 febbraio il giorno della cultura perché ancora non ne hanno.

      Elimina
    2. complimenti. ha scritto solamente fesserie che prontamente sono state cancellate

      Elimina