ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

martedì 22 marzo 2016

PLANINA BALA

 25 marzo 1944 - 2016

PER NON DIMENTICARE

Perché il loro sacrificio non rimanga vano, nella ricorrenza del 72° anno del loro eccidio, vorrei ricordare questi dodici carabinieri, vittime dell’odio e della violenza, barbaramente massacrati in Malga Bala il 25 marzo 1944.












Seconda Guerra Mondiale. Tra i fatti più tragici della Seconda Guerra Mondiale non si può non annoverare quello dei 12 Carabinieri, che a malga Bala, nelle vicinanze di Plezzo, in Slovenia, in quell’epoca territorio italiano, furono barbaramente massacrati a picconate dai partigiani comunisti di Tito in una sequenza impressionante, uno alla volta, dopo essere stati accaprettati con filo di ferro. E questo secondo un progetto ben studiato fin nei minimi particolari per pura vendetta contro l’Italia, di cui quei Carabinieri erano l’immagine più significativa. La mattanza avvenne sabato mattina, 25 marzo 1944, dopo due giorni di peregrinazioni da un fienile all’altro in alta montagna, dopo essere stati avvelenati con soda caustica, varechina e sale nero. Erano stati prelevati con l’inganno la sera del 23 marzo, giovedì, giorno di festa in ricordo della Fondazione dei Fasci.

Nessun commento :

Posta un commento