ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

venerdì 14 ottobre 2016

2^ Lettera al sindaco di Resia

Ricevo e volentieri pubblico

Lettera a cura di a.ZC.bm.


Caro Sindaco di Resia,,
faccio seguito alla mia precedente pubblicata il 14.09.2016 e mi riferisco sempre al suo post del 3.8.2016 in risposta ad uno che si era lamentato della tenuta delle strade, lei cosi rispondeva…..oggi…..alle 17…..avresti dovuto fermarti dopo averti pivettato, ti avrei spiegato tutto, senza alcuna remora ed efficacia, efficienza e responsabilità……a me piace chiarire le cose con le persone che vogliono intendere e che accettano di mettersi in discussione. Affidarsi a proclami su FB non sempre è costruttivo…….
   Si vede che lei questi pensieri, che non traduce in pratica, le vengono solo dopo aver pivettato.
Lei fa confusione tra FB e blog che testualmente vuol dire diario in rete e che quindi pubblica articoli e lettere.

Non so perché non risponde a delle semplici domande, forse perché non inviate a lei personalmente ? Vuole sapere il mio nome per poi pivettarmi e rispondere solo a me? Io le ho scritto di cose che interessano tutti i Resiani e che tutti devono sapere. Le domande non sono proclami!!!
O forse non risponde perché la firma non è completa? Le lettere al giornale sono “testo” e la redazione ne è responsabile. E’ la deontologia giornalistica che ne fissa le regole. Quindi c’è sempre un responsabile. Chissà quante volte avrà visto le lettere al direttore di giornale con solo la sigla e non la firma, a meno che lei non legga i giornali.
 Lei nel suo post dice che le piace chiarire le cose con le persone che vogliono intendere e che accettano di mettersi in discussione.
Cosa ci sa dire delle oltre 100 (cento) firme che le furono recapitate da due Resiani relativamente al gruppo folcloristico? Oltre cento persone ci misero la faccia, volevano intendere e accettarono di mettersi in discussione. Le firme raccolte erano regolari, previste dalla Legge che lei sconosce.
Perché io dovrei mettere il mio nome quando lei non ha avuto il coraggio morale e civile di rispondere a oltre cento firmatari?
Anche oggi, a distanza di tempo, qualsiasi firmatario può fare uno scherzetto rivolgendosi al magistrato perché lei ha omesso un atto d’ufficio. Mancando le risposte sono autorizzato a pensare qualsiasi cosa, e con me numerosi Resiani, ci saranno degli interessi sottobanco? Favori? Chi più ne ha più ne metta. Sicuramente non sarà cosi, però  non dando risposte può far sorgere pensieri diseducativi.
Non risponde perché lei pensa che i Resiani siano ignoranti? Le faccio sapere che con grande fatica e impegno, per leggere non mettiamo più il dito sotto le parole per sillabarle.
Ho provato a pensare di un qualche suo merito nella gestione del Comune,  non mi viene in mente niente. Lei sta facendo solo l’ordinaria amministrazione. Se avesse fatto qualcosa di buono l’avrei elogiata. Naturalmente non avendo risposte mensilmente ricorderò a tutti il suo fare, si sa che a forza di dai…..
Nel sito del Comune c’è la dizione “”amministrazione trasparente””, ma lei sa cosa vuol dire? Il documento è vuoto.
Se l’amministrazione fosse trasparente darebbe le risposte non al singolo cittadino, ma a tutta la popolazione.
La popolazione è stata informata delle U.T.I.?
E’ sicuro di aver fatto bene a far ricorso al TAR per le UTI?
A cosa è servita la delibera n.03  del Reg:Del. Del  20.03.2015 se era già stato fatto ricorso al TAR?
I Resiani voteranno  per le elezioni per i candidati di Udine o di Trieste?
In Comune fate e disfate a vostro piacimento anche se avete, risulta, una maggioranza traballante. Non informate nessuno. Per quanto riguarda le delibere ognuno può andarle a vedere all’albo pretorio o sul sito comunale, ma le cose fatte da altri che voi avallate che riguardano tutti non le dite, non le fate sapere, fate tutto alle spalle della popolazione. Le veniamo a sapere a mezzo stampa, ma non tutti riescono a sapere le notizie, specialmente quelle indicate nella prima lettera.
Quando il Sindaco perde la fiducia e non da risposte alla popolazione deve fare una sola cosa: dimettersi.
Cordialità, suo
a.ZC.bm.

4 commenti :

  1. Questa è la seconda lettera, in forma anonima, che viene scritta ed indirizzata al Sindaco del Comune di Resia, che non avrà risposta. Oltre lo scritto, a disposizione di tutti i lettori del presente blog e degli amici di Resia - Resije - Blogspot su facebook, che tutti possono leggere e commentare silenziosamente senza bruciarsi la lingua, il resto è buio e silenzio assoluto. Se la persona anonima si è permessa di scrivere queste due lettere ha avrà avuto le sue motivazioni, giuste o sbagliate, non sarò certo io che mi dovrò giustificare o dare delle spiegazioni. Sono certo che tantissime persone resiane avranno giudicato positivamente queste prese di posizione e queste motivazioni, ma sono sicuro che, in fondo, il tutto rimarrà lettera morta e anonima. Va bene criticare, ma silenziosamente e senza farlo sapere, noi resiani siamo fatti così, quello che è permesso in osteria è proibito in altri luoghi

    RispondiElimina
  2. Ho letto con attenzione le due lettere e non ho trovato nessuna critica al Sindaco ma solo domande e un paio di constatazioni. Ben diversa è la critica. Se chiedere una informazione ad una persona, mettiamo la via di un paese, si ritiene sia critica, mi sembra eccessivo. Noto altresì, che la lettera non è anonima, ma è siglata, ritengo dal firmatario. Se fosse anonima non vi sarebbe alcuna sigla alla fine della lettera, oppure la solita firma "un amico". Debbo dedurre che anche questo blog sia a firme anonime perché ciascuno ha messo il nome che più gli aggrada, mentre lei Sig. Franco Tosoni ha messo il suo. Anche su FB si può mettere qualsiasi nome e quindi tutti anonimi? Ho notato che per la raccolta delle firme per la legge 38 vi era l'intestazione della I.T.V.R. ma le lettere non erano firmate. Mi meraviglia che il Sindaco non risponda di cose non fatte da lui ma alle quali era presente, perlomeno cosi si capisce dai due articoli di slovit. Mi è anche chiaro che l'autore delle lettere non vuole avere la risposta solo lui, ma tutti i resiani devono sapere perché riguarda tutta la comunità.Quindi, secondo me, nessuna critica anche se silenziosa ma sarebbe ora che quello che è consentito in osteria sia consentito anche in altri luoghi.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Lettera al Sindaco di Resia


    Egregio Signor Sindaco



    La polemica nata in Valle per le onoranze ufficiali fatte al partigiano Titino che riposa nel cimitero
    d'Oseaco? No faccio nessun commento, questo episodio è stato largamente contestato, il contenuto e semplicemente vero, che condivido. La verità, la vera, e solo una, non esistano altre e se qualcuno cerca di riscrivere una nuova storia, ha qualche cosa da nascondere, o interessi personali, a Resia abbiamo la prova. I partigiani Titini non erano dei angeli,i cittadini italiani che vivevano in Dalmazia e in Istria hanno subito una triste sorte, solo pensare ciò che è accaduto si ridrizzano i capelli donne violentate davanti gli occhi del marito, figlia subiva la stessa sorte,i genitori impotenti davanti al fatto,poi scaraventati vivi nelle foibe come se fosse un straccio che non vi serve più. I più fortunati sono stati estratti e sepolti cristianamente, ma molti riposano nelle foibe, loro non hanno avuto le onoranze ufficiali ne fiori, sono completamente dimenticati dalla autorità italiana. La Slovenia e la Croazia si nascondono nel silenzio, non si parla,cercano di nascondere alla società questo ignobile massacro,certamente non possono essere fieri del comportamento barbarico dei partigiani Titini,che hanno oltrepassato la linea rossa. Pongo la domanda, quale tomba
    e da fiorire ed d'avere le onoranze ufficiali?E l'ora di finirla con questa mascherata, che le autorità
    Slovene vengono nella nostra Valle per onorare il partigiano Sloveno ,è probabile che non è ne
    Sloveno ne Croato. Sono convinto che dietro questa mascherata sta covando qualche cosa d'altro.



    Con ossequio

    Rosajan-d.o.v.

    RispondiElimina