ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 12 giugno 2017

I° Anniversario della stipula dell'Accordo di Gemellaggio tra Naykograd Fryazino e Resia (Resoconto)

11 giugno 2017
Prato di Resia - Ravanza

Resoconto Incontro Culturale Resia - Russia


Grande successo della Festa ieri al Centro Culturale Resiano.
Tanti Resiani, hanno aderito all'invito di partecipare a questo evento. 
Un Grande successo per Noi di I.T.V.R. Identità e Tutela Val Resia, che siamo stati i promotori di questo Gemellaggio e che grazie al coinvolgimento del Comune,che come Istituzione sta facendo la sua parte, la manifestazione ha avuto un seguito fuori da ogni aspettativa. 
Il Centro Culturale Resiano, era stracolmo.
Un sentito Grazie, lo porgiamo a Voi tutti.
Da segnalare che da parte dell'Amministrazione di Fryazino è stato consegnato un riconoscimento  a Identità e Tutela Val Resia, firmato dal Sindaco Igor Mikhailovic Sergeev, volto a ringraziare il lavoro fatto dalla Nostra Associazione.



















30 commenti :

  1. Wow, per la prima volta sembra di intravedere la bandiera della Slovenia...

    RispondiElimina
  2. Solo che manca il Triglav. Ė così quando si vedono lucciole per lanterne. Tu hai bisogno urgentemente di un occulista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, per lo stemma di Resia si potrebbe sostituirlo con il Canin(inteso come monte, non come il noto personaggio).

      Elimina
  3. Così, oltre a essere ignorante,inteso come la non coscenza dei colori della bandiera russa, sei anche maleducato per la risposta.

    RispondiElimina
  4. Il commento voleva essere solo ironico e non maleducato. I colori della bandiera russa li conosco e sono uguali a quelli della bandiera slovena anche per quanto riguarda la dispositione, guardacaso.

    RispondiElimina
  5. Praticamente gli sloveni sono bravi solo a copiare. Guardacaso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O viceversa? Vediamo se "il dotto" la spunta a trovare la soluzione.

      Elimina
    2. Direi che , se le autorità Slovene hanno sentito il bisogno di metterci uno stemma era , forse , perché una bandiera senza esisteva già !
      Quella Russa .

      Elimina
    3. Semplificando si', anche se le rispettive bandiere esistevano gia' prima della caduta del comunismo. La Slovacchia ha la bandiera quasi identica a quella russa e slovena, la Croazia, la Serbia e la Cechia pure. Sara' un caso?

      Elimina
    4. Bravo Andrea , grazie a lei , adesso sappiamo che non solo hanno fregato i colori ai Russi , ma anche lo stemma ai Slovacchi , Croati , Serbi e cosi' via ...
      Appuntamento alla prossima barzelletta del signor Andrea .

      Elimina
    5. Non scriva cose non vere e si informi come ha fatto Turan, altrimenti da accusatore potrebbe lei presto passare a diventare barzellettiere.Quanti stemmi ha la Slovenia, decine e decine quindi?

      Elimina
    6. Probabilmente tutti hanno capito che era "l'idèa " di mettere uno stemma , che gli Sloveni hanno copiato su altri ; lei invece no .
      Posso ricordarle che è stato lei a dar vita a questa discussione chiedendo a Canin di "provare" chi dei Russi o degli Sloveni aveva copiato sull'altro .
      PS ; sembra che la bandiera russa abbia svolazzato per la prima volta nel lontano anno 1705 .E quella Slovena ?

      Elimina
    7. Le posso rispondere dicendo che l'attuale bandiera resiana assomiglia molto a quella ucraina, come l'avranno presa i russi? Sara' una coincidenza il fatto che entrambe le bandiere in questione abbiano un rapporto discutibile con entrambi i maggiori confinanti orientali e guarda caso entrambi col tricolore bianco,blu e rosso?

      Elimina
  6. Storia della bandiera Slovena:
    Sebbene i colori della bandiera slovena vengano frequentemente considerati panslavisti, derivano in realtà dallo stemma medievale della Carniola, la provincia centrale della Slovenia, considerata il fulcro della nazione slovena, ed erano utilizzati come colori nazionali prima che venissero disposti sulla bandiera. La disposizione attuale del tricolore deriva dalla Rivoluzione del 1848. Nella primavera del 1848, infatti, alcuni studenti sloveni di Lubiana presero i colori del vecchio stemma della Carniola (aquila azzurra su fondo bianco con una mezzaluna rosso-gialla), allineandoli per ricalcare il disegno della bandiera russa, ispirandosi così all'idea della fratellanza slava in opposizione al pangermanismo. Fu esibita per la prima volta il 7 aprile 1848 nel centro di Lubiana, nei pressi della centralissima Piazza Prešeren

    RispondiElimina
  7. si vede che il dotto che tutto sa ha letto il libro sbagliato. quindi da ora in poi non sarà più chiamato sloveno, ma come è più giusto, carniolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carniolino ben venga, peccato che non abbia nulla a che fare con codesta regione slovena, non riesco a capire il motivo della sua uscita. Lei puo' attribuirmi tutte le provenienze geografiche piu' disparate, ma lei sapra' bene che cosi non e'. Da dotto com'e' dovrebbe saperlo, come dovrebbe sapere che la nostra identita' dovrebbe essere difesa con la nostra bandiera e non con la bandiera di uno stato non slavo. Lei da bravo arrampicatore espressivo dovrebbe saperlo anche se non lo ammettera' mai, come mai rivelera' la sua piu' che dubbia identita' resiana.

      Elimina
    2. E dunque , secondo lei , l'identità Resiana dovrebbe essere difesa con la bandiera di uno stato straniero con il quale Resia non ha mai condiviso nemmeno un solo minuto della sua lunga Storia .

      Elimina
    3. E secondo lei, le varie regioni italiane non avendo condiviso prima dell'unificazione un minuto di storia, non avrebbero dovuto aderire alla nazione italiana? Perche' se la mettiamo cosi' pure ampie zone d'Europa che sono state per alcuni secoli ottomane ad esempio, secondo la sua logica non avrebbero dovuto evolversi, riunificarsi ad altri stati o rendersi indipendenti da terzi. Un fatto e' certo: Resia e' slava e condivide con l'area slovenofona originaria molto piu' che con qualunque altra realta' italiana, per lingua, per cultura ecc., e proprio in quest'area troviamo le parlate linguisticamente piu' simili al Resiano con buona pace degli anti-sloveni. E mi fermo qui. Per il resto basterebbe solamente esibire lo stemma resiano e basta, che ripeto, per chissa' quale segno del destino, assomiglia incredibilmente alla bandiera ucraina.

      Elimina
    4. Lei dice stupidaggini . Con quale paese condivisero la loro storia le varie regioni d'Italia allora ? Con la Russia , o l'Australia magari ? Queste regioni sono sempre state tutte comprese nei limiti fisici e geografici dell'Italia tessendo dei legami culturali , economici e politici tra di loro e la loro riunificazione era attesa , desiderata e condivisa da tutti .
      Del resto , l'Italia era già stata unificata piu' volte da , Romani , Longobardi e molti altri invasori piu' o meno " invitati " .Garibaldi non era il primo !
      Gli Ottomani non hanno conquistato mezza Europa sparando fiori e pasticcini e logicamente quei popoli si sono ripresa la loro libertà .
      Lei pretende che la Cultura Resiana è Slovena ma non sfodera nessun argomento in favore ; musica , danze , fiabe ,tradizioni , matrimoni , guerre . Per farla corta , STORIA.
      E se bastasse una similitudine linguistica per far dei Resiani degli Sloveni DOC . allora lei puo' tranquillamente cancellare dalla cartina dell'Europa : l'Austria , la Svizzera , la Corsica , il Belgio , il Lussemburgo , la Scozia , l'Irlanda , l'Alsazia , ...vado avanti ?
      I Resiani hanno chiesto per ben due volte ad aderire all'Italia ; erano dunque cosi' scemi i loro antenati ?
      Per cio' che riguarda la bandiera ucraina , sia piu' chiaro ! Non tutti i frequentatori di questo blog hanno trovato qualcuno che pagasse loro degli studi universitari a Lubiana per imparare sloveno e croato .Molti di loro , il pane se lo devono guadagnare di santa fatica ,e non facendo propaganda .

      Elimina
    5. Per il discorso della similitudine linguistica vada pure avanti, possibilmente fino alla lingua friulana, al sudtirolese ecc. in modo da poter applicare la sua ricetta derivata dalla sua logica. Lei dimentica l'Austria-ungheria, la parentesi spagnola di Milano e delle Due Sicilie, per non parlare del periodo moresco al sud. Non c'e' mai stata questa unita' derivata da una vocazione geografica, tra l'altro di una penisola lunga piu' di mille chilometri dove nella penisola balcanica che misura circa la stessa lunghezza abbiamo pressapoco una dozzina di stati. Se poi mi esclude la Russia, come mai viene spesso tirata in ballo a Resia? Dove sta questa attesa e condivisione? I legami politici ed economici andavano spesso solo oltre alla collocazione geografica come nel caso della Serenissima che viveva grazie guardacaso al commercio coi Turchi costantemente in competizione coi genovesi e gli asburgici. Come spiega questi fatti storici e geografici che non sono certamente un'eccezione, senza menzionare il nostro Patriarcato del Friuli? Lei pretende che cultura resiana sia italiana quindi di ascendenza neolatina mi sembra di capire, una sciocchezza visto che anche la parlata di Bovec e lo zegliano molto simili al Resiano potrebbero pretendere tale collocazione. Per quanto riguarda la bandiera ucraina e' solo un'osservazione di una singolare casualita' nulla piu'. Ma di che studi a Lubiana sta parlando, si' e no ci saro' stato 4 o 5 volte, e certamente coi soldi guadagnati sudando, perche' la propaganda la lascio a quelli che vedono il mondo o bianco o nero o slovenska Skupnost come voi.

      Elimina
    6. Dove ho scritto io che la cultura resiana è italiana ? è resiana e basta ! E dove ho affermato io che lei ,che penso di non conoscere , sia andato all'universita a Lubiana ?
      Sono capitato tempo fà in un noto luogo turistico sloveno in un locale dove si celebrava un matrimonio e , restando in disparte ,ho notato una cosa evidente ; non c'era niente , ma proprio niente , di resiano .
      Non si affretti a rispondere ; domani vado al mare (e non in Slovenia) e questo blog sarà lontano dai miei occhi .
      Ah dimenticavo : alla lista degli stati che lei farebbe sparire ho dimenticato di aggiungere la ...Slovenia ,vista la similitudine linguistica con la croato .

      Elimina
    7. Lo fa intendere con la sua logica dell'unita' fisica e geografica dell'Italia di cui Resia ne fa territorialmente parte."Non tutti i frequentatori di questo blog hanno trovato qualcuno che pagasse loro degli studi universitari a Lubiana per imparare sloveno e croato." Quanto precede e' stato scritto da lei riferendosi a chi? Nessun problema tanto io mi esprimo gratuitamente senza nessun compenso, ma solo per la gioia di chi ha piacere di sapere che la parlata di Bovec e di Resia si assomigliano un sacco. Come si assomigliano lo sloveno e il croato, specialmente se prendiamo i dialetti presso il confine. Mi raccomando appena arrivato domani gridi a squarcia gola: Istria, Fiume, Dalmazia ne' Slovenia ne' Croazia.

      Elimina
  8. La più grande stupidata che hai potuto scrivere; forse a casa tua hanno piacere sapere che la parlata
    di Bovec e di Resia si assomigliano, a me non risulta, tutte le volte che ci sono stato, e sono tante, non ho riscontrato alcuna somiglianza, per farmi capire l'ho fatto in lingua italiana. Forse tu intendi fischi per fiaschi, magari pieni di vino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un anonimo paesino sperduto nel Friuli, vedendo una persona che non e' del posto, le persone locali le rivolgeranno la parola direttamente in friulano o preferiranno l'italiano per esempio? Contando che durante le stagioni turistiche nei ristoranti e nel settore terziario ci saranno lavoratori provenienti da altre zone, che gentilmente le potranno rispondere in sloveno standard, tedesco, inglese o come nel suo caso l'italiano. Per trovare un interlocutore con cui si possa approdondire il discorso della parlata locale non basta andare a cena a Bovec o la classica scampagnata fuori porta.

      Elimina
  9. Come sempre, anche questa volta ti vuoi salvare in calcio d'angolo come se a Bovec ci fossero solo ristoranti. Basta far passare per fesso chi invece è più furbo di te, un po più di umiltà da parte tua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piu' furbo sarebbe quello che augura buon appetito paragonandomi ad un moscone che sta per fare merenda con...questa e' furbizia? Sicuramente e' maleducazione irrispettosa verso una persona. Zbugam an romuni po Rozajanskim.

      Elimina
  10. Ja rumunin po rosajianski. A te l'ultima parola, tanto sono solo i f...i ad averne quella finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha l'ultima parola scusi?

      Elimina
    2. Amaria', ma devo indovinare la parola come a Gira la ruota, posso prendere una vocale?

      Elimina