ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 30 giugno 2014

LO SLOVENO NELLE SCUOLE. L'IDEA E' DELL'ASSESSORE TORRENTI

"Poiché in Friuli Venezia Giulia è diffusa una vasta consapevolezza dell'utilità della conoscenza della lingua slovena, la Regione potrebbe attrezzarsi, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, per offrirne lo studio anche nelle scuole a lingua d'insegnamento italiana". Lo ha affermato l'assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, a una tavola rotonda sul bilinguismo, svoltasi oggi a Gorizia. L'incontro faceva parte del progetto 'Lex', promosso dall'Unione culturale economica slovena (Skgz) in collaborazione con la minoranza italiana in Istria e altri partner, sulla tutela delle minoranze linguistiche in Italia e Slovenia. "Per normalizzare l'uso dello sloveno nelle pubbliche amministrazioni - ha osservato Torrenti - è necessario che gli Enti locali si attrezzino anche autonomamente, così come richiesto dallo spirito della legge 38/01, e provvedano a offrire, magari con le risorse comunitarie, l'ordinarietà degli interventi quali, ad esempio, sportelli linguistici e servizio traduzione". Il vicepresidente del Consiglio regionale, Igor Gabrovec, ha sottolineato come sia ormai indispensabile perseguire nell'area confinaria "almeno la conoscenza passiva" della lingua slovena attraverso l'istruzione.

Tratto dal sito Tele Pordenone del 28 giugno 2014

Nessun commento :

Posta un commento