ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 8 aprile 2017

I.T.V.R.Identità e Tutela Val Resia organizza un Viaggio in Russia dal 25 al 31 Agosto













30 commenti :

  1. A quando la gita a Ljubljana-Maribor?

    RispondiElimina
  2. Non si va in luoghi dove non esiste niente.

    RispondiElimina
  3. Qualcuno può andare sempre in fare in c... (siccome non brilla di intelligenza, se del caso la prossima volta tolgo i puntini cosi può capire meglio).

    RispondiElimina
  4. a proposito a predappio qualcuno ci può andare con i propri genitori, fratelli e sorelle, moglie e figli se ne ha. sicuramente è un buffone nostalgico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che linguaggio scurrile, vorrebbe passare per colto e ogniscente ma mi cade spesso con queste bassezze, evidentemente colpisco nel segno se innervosisco...

      Elimina
  5. il linguaggio scurrile viene detto da chi invita le persone ad andare in certi luoghi senza sapere e conoscere con chi parla. solo un beota e cretino può fare certe richieste. E' vero che ha colpito nel segno facendo conoscere a tutto il blog della sua ignoranza, imbecillità, cretineria, idiozia, praticamente una sola persona racchiude tutte queste qualità che io definirei come pezzente mentale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho mai insultata! Lei in questo modo sta offendendo me e tutti i Resiani che la pensano allo stesso modo. Continui pure con le sue cadute di stile sgrammaticate e becere, non cambieremo MAI la nostra opinione su chi continua a svendersi all'italianizzazione di Resia, ripeto mai e poi mai. Fatevene una ragione.

      Elimina
  6. E come la intendiamo con quelli che continuano a svendersi alla slovenizzazione di Resia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo momento siamo costretti da chissà quale legge non scritta a comunicare tra Resiani in ITALIANO. Se il Resiano fosse incluso univocamente nella famiglia linguistica slovena, e includessimo a questo numero di parlanti Resiani quelli che tra Resiani comunicano tra loro nella lingua standard slovena( numero 0 o poco più esagerando), sapremmo immediatamente quale lingua ha il sopravvento e ha il monopolio linguistico mentale e tutto ciò che ne consegue, sulla comunicazione linguistica tra i Resiani emigrati e non. Il risultato mostrerebbe( e noi ne siamo una ulteriore prova in questo blog filoitaliano) che la lingua che sta realmente sgretolando il Resiano è l'italiano, mentre lo sloveno standard a Resia non si usa, pur assomigliando di più al Resiano,quindi carissima Ariana per smentirmi per prima cosa dovrebbe proprio iniziare a comunicare in lingua Resiana o per dimostrare che lo sloveno e' una minaccia dovrebbe preferire addirittura lo sloveno e diffonderlo in valle in modo da costruire una minaccia reale e concreta e non solo puramente teorica e ipotetica come di fatto è lo sloveno. Se va al comune ad esempio la salutano in italiano, Resiano o sloveno?

      Elimina
  7. c'è qualcuno in questo blog che si sente insultato e dice che anche tutti i resiani lo sono che la pensano come lui. l'ignoranza di colui che scrive e continua a scrivere fesserie relative al resiano, non sa, che dire a una persona di andare a predappio significa dargli del fascista. ora lui sicuramente lo sarà perché conosce il posto e ci sarà stato con tutti i suoi familiari portando lumini al seguito. ma non si può permettere di fare certe false e inventate affermazioni sul conto di persone che non conosce. ancora non ho offeso nessuno e non ha nemmeno idea di cosa possono essere le offese che potranno essere comprese anche da chi è acefalo. ecco chi è sgrammaticato e becero, chi sa le cose o chi le scrive senza sapere il significato? c'è sempre qualcuno in questo blog che parla si essere svenduti all'Italia. a me risulta che taluni resiani si sono svenduti per meno di 30 denari agli sloveni. l'Italia non paga nessuno, gli sloveni vi tengono al soldo, come i cagnolini al guinzaglio. anche qui fa finta di non sapere. complimenti. qualcuno ci faccia sapere dei prossimi ordini che gli sloveni vi daranno, magari in italiano perché nonostante il dire tra Resiani e sloveni non si capiscono. vedi la presenza degli sloveni al monumento dei partigiani, dove sembra non ci sia nessuno sloveno, dove hanno espressamente richiesto al sindaco di parlare in italiano o sloveno.ecco perché il Resiano dovrebbe imparare lo sloveno standard. non tutti sono cretini come qualcuno vorrebbe far credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a prova contraria Resia dopo il '45 e' capitata sotto l'Italia, e non senza lo sforzo di qualcuno o qualche organizzazione. L'Italia per ingoiare Resia nella sua orbita ha speso sicuramente molti ma molti più soldi di quanti la Slovenia ne ha speso per "contratto bilaterale Italo-yugoslavo" per mantenere culturalmente in vita la comunità autoctona slovena del Friuli, nel passato, presente e futuro. Comprare un territorio costa sempre molto di più che comprare un'opinione, che poi se uno si sente sloveno che problema crea? Della gladio che faceva il bello e il cattivo tempo nelle terre abitate da sloveni e non solo in Friuli nessuno ne parla, è ancora un tabù forse? Nessuno parla neanche della volontà dei servizi segreti italiani che durante le guerre jugoslave avevano in piano di riespandere i confini italiani fino a Lubiana, ma sono stati prontamente fermati dagli americani per non creare ulteriori complicazioni. A voi sta bene parlare solo del piano di Tito di espandersi fino al Tagliamento(falso), avete una visione totalmente italocentrica del mondo, pur essendo Resiani, quindi almeno slavi. Se qualcuno prende meno di 30 danari per mostrarsi sloveno, pensate a tutti quelli che da Resiani sono diventati italiani gratis!

      Elimina
    2. Fino a prova contraria Resia dopo il '45 e' capitata sotto l'Italia !!!
      Ma che scemo che sono ; e io che credevo che Resia fosse sempre stata Italiana !

      Elimina
    3. Anche Lubiana lo e' stata, in un discorso dell'11 dicembre 1941, il Segretario Federale Grazioli affermò che dopo aver trasformato Lubiana in una provincia italiana "faremo diventare italiani anche i suoi abitanti".

      Elimina
    4. Lei afferma che Lubiana è sempre stata Italiana come Resia ???

      Elimina
    5. Non ha mai assaggiato le ottime pizze lubianesi?

      Elimina
    6. No ; e , pensandoci bene , anche cercando non trovo alcun buon motivo per andare in Slovenia .
      Trovo in zona tutto quello che occorre alla mia salute fisica e mentale.
      Ma posso capire che per lei ,vivere in un paese che odia deve essere penoso e che qualche boccata d'aria d'oltre Canin gli sia necessaria .

      Elimina
    7. Questo lo dice lei, io non odio nessuno e apprezzo l'Italia del progresso specie quella del passato più o meno recente. Io non ho problemi in alcun luogo, mentre spesso in questo blog trovo persone che non hanno la forza di cambiare aria, sia questo in Austria, Slovenia o dovunque sia, forse per pigrizia o altro. Non andando all'estero non mi stupisce il fatto che non veda la differenza tra la montagna friulana e quella austriaca o slovena. La gestione montana a nord ed est e' nettamente migliore sia dal punto di vista economica che soprattutto dal punto di vista demografico. Mi stupiscono sempre molto quelli che difendono l'italianita' di Resia, perché sono sempre gli stessi che sono dovuti emigrare o comunque soffrono a causa della cattiva gestione della montagna friulana causata proprio dalle gestioni italiane del territorio, un non-senso. Non vedo perché si dovrebbe evitare una collaborazione con gli sloveni con cui condividiamo non solamente una vicinanza territoriale seppur impervia, ma anche degli antenati comuni, che sono certamente più recenti di quelli che abbiamo con gli italiani,zbugam.

      Elimina
    8. Tu soffri della sindrome dell'italianità, si vede che sei depresso. Tu apprezzi, ma non condividi. Da che parte stava l'Impero Romano, in Africa forse?

      Elimina
    9. L'impero romano non è nato in Africa, ma nemmeno a Resia, con gli antichi romani non condividiamo ne la lingua ne il patrimonio genetico, ce lo conferma la scienza mi pare. Chi soffre per la naturale ricollocazione di Resia verso una situazione di buoni rapporti con il vicinato sono proprio gli emigrati che vedendo loro stessi ( e soprattutto i propri discendenti) perdere lentamente la lingua e la mentalità Resiane, si deprimono e si innervosiscono tentando di imporre ai Resiani rinasti la loro condizione di assimilati nei luoghi in cui vivono. Col tempo le nuove generazioni non protesteranno più perché si dimenticheranno delle loro lingue e origini e Resia tornerà al l'identità e alla pace che le spetta. Zbugam an lopu stujte.

      Elimina
    10. La capitale della Slovenia, patria della lingua dialettale slovena, anticamente si chiamava: Emona (in latino Aemona) fu un importante centro militare dal 35 a.C. fino all'epoca dell'Imperatore Claudio quando divenne colonia con il nome di Colonia Aemona Iulia Claudia. Inoltre, nel corso della sua storia è stata influenzata dalla sua posizione geografica, all'incrocio della cultura tedesca, slava e latina.

      Elimina
    11. Un po' di storia fa sempre bene. Ci può far riflettere molto la storia ad esempio degli italo-americani, che dopo molte generazioni hanno si' introdotto la pizza e la pasta oltreoceano, ma hanno sostanzialmente perso nella stragrande maggioranza dei casi la propria lingua e la propria identità, diventando di generazione in generazione sempre più americani e sempre meno italiani perdendo ogni contatto con la lontana Italia. E con Resia come finirà? Qualcuno ha fretta e qualcun altro meno.

      Elimina
    12. integrazione, si sono integrati, quello che dovremmo fare noi con lo sloveno. Col c...o.

      Elimina
    13. Invece si sono assimilati come molti di voi, lo sloveno non può interferire con il Resiano ma lo affiancherebbe soltanto come succede in tutte le zone del Friuli dove a scuola si insegna lo sloveno standard mentre a casa e in pubblico si usa la parlata arcaica senza alcuna confusione. Se lei ci racconta che vorrà salvare il Resiano continuando con l'italiano, noi non ci crediamo perché chi ci ha creduto è finito assimilato alla maggioranza italiana. Non cadremo nel vostro tranello italianizzatore. Gli emigrati se ne stiano dove sono che fanno più bella figura, noi non abbiamo nulla contro l'insegnamento della lingua slovena perché è già compresa la tutela del Resiano al suo interno. Chi inventa lingue slave di antico insediamento ecc. dovrebbe sapere che lo stesso procedimento potrebbe essere fatto alla comunità italiana in Slovenia e Croazia con un bella trovata in stile " antiche parlate paleovenete" che nulla hanno a che fare con l'Italia in modo da staccarle da ogni ingerenza straniera, vorrei vedere se questo vi starebbe bene cari miei... Zbugam an lopu stuj.

      Elimina
  8. Continui a dare i numeri, ma questa volta quelli falsi. Proseguì ad essere patetico e ridicolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'accusa senza argomentazioni valide e senza prove concrete sarà sempre precaria e senza struttura. Potrei ripeterle la stessa accusa, ma non lo faccio per un minimo di rispetto.

      Elimina
  9. Lo so, tu sei sempre quello, rispettoso e diligente, che svolge il compitino con arte e argomentazioni lineari e di parte, solo che per seguirti, noi poveri resiani italioti, non riusciremo mai a decifrare il tuo frasario incompreso. Hai presente la Settimana Enigmistica? Bene, e' più facile risolvere i suoi enigmi che capire i tuoi discorsi. Capito perché sei patetico e ridicolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei non capisce, Canin ad esempio capisce e risponde argomentando

      Elimina
  10. A questo puntò, devo riprenderti e tirarti le orecchie perché sei proprio tu a non capire e non farti capire con quegli argomenti del cavolo che scrivi. Canin, persona che rispetto per quello che scrive, lui si comporta di conseguenza e con coerenza, io mi comporto con stile diverso seguendo i tuoi incoerenti discorsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ripeto, per me la minaccia alla lingua resiana e' l'italiano perche' come stradetto e ridetto lo sta sostituendo al resiano. Dello sloveno standard non c'e' nemmeno l'ombra in Valle quindi non essendoci non puo' nuocere. Guardi i giovani Resiani o gli emigrati, senza piu' la lingua resiana sono costretti a identificarsi con una mentalita' aliena al nostro mondo resiano-slavo. Se questo le sembra incoerente iniziero' a dubitare io della sua coerenza, e non solo quella espressiva...

      Elimina