ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

sabato 19 gennaio 2013

DNA e i Resiani - LA VAL RESIA SU RAI3


Articolo aggiornato il 21 gennaio 2013

Estratto del programma RAI 3 "E se Domani" del 19 Gennaio 2013. Nel documento si dice chiaramente che la probabile provenienza dei Resiani potrebbe essere la Regione del Caucaso ben 2000 anni fa. 
Scienza e non Fantascienza,come qualcuno vorrebbe farci credere. 
Orgogliosi di essere RESIANI









Sabato 19 GENNAIO ore 21 trasmissione "E SE DOMANI" di RAI 3. Si parla del parco genetico e di RESIA.

Barbara Gallavotti si sottoporrà al test del DNA, l’esame che ha il potere scientifico di dirci con assoluta certezza chi siamo e da dove veniamo.

VEDI LA DIRETTA SU RAI 3

13 commenti :

  1. Originari del Caucaso. Bene. Cosa avete dimostrato? Che volete essere soggetti alla tutela di Putin?

    Non so ridere o piangere ogni volta che dò un'occhiata a questo blog ed alle sparate da libro di barzellette che spaccia per scienza...

    Oggi è il 27 gennaio. Il Giorno della memoria. Non pensate di dover riflettere un minimo rispetto sull'opportunità di collegare le vostre rivendicazioni alla storia del DNA?

    In ogni caso, il DNA ha ben poco a che fare con lingua e cultura. Lingua e cultura sono prodotti della mente, che si sviluppano e si modificano nel corso del tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' curioso questo ragionamento.
      Proviamo a utilizzarlo nel mio caso.
      Sono nato a Resia da genitori Resiani.
      Parlo correttamente il Resiano e non capisco lo Sloveno.
      Sono andato ad abitare in provincia di Bologna che avevo 2 anni e mezzo. Parlo correttamente il dialetto Bolognese oltre all'Italiano.
      Ho anche appreso elementi culturali Bolognesi.
      Quindi io sono Bolognese.
      Spostiamoci ora a Resia; si parla sempre più l'Italiano perché siamo inseriti in una nazione che è l'Italia e più precisamente nel Friuli quindi siamo Italiani Friulani.
      Se anche avessimo origini Slovene in noi si stanno sviluppando e modificando nel corso del tempo le nostre origini perché stiamo acquisendo molti vocaboli Italiani e Friulani e quindi che senso ha rivendicare il diritto alla salvaguardia della minoranza perché hai detto
      "Lingua e cultura sono prodotti della mente, che si sviluppano e si modificano nel corso del tempo"
      In merito invece al giorno della memoria, perché dobbiamo ricordare visto che tu parli di
      "Non pensate di dover riflettere un minimo rispetto sull'opportunità di collegare le vostre rivendicazioni alla storia del DNA?"
      E' proprio perché stiamo cercando nel profondo della nostra memoria che cerchiamo di ricostruire il ricordo di chi siamo e da dove proveniamo. Altrimenti che senso ha il giorno della memoria?
      Infine nessuno chiede la tutela di Putin, non io. Certo è, che quelle parole che sono nel nostro vocabolario e che sono molto somiglianti alle russe non le abbiamo certo apprese perché i nostri avi giravano per la Russia ma quelle poche che assomigliano alle slovene è certo dovuto al fatto che molti dei nostri avi per lavoro sono stati in terra Slovena.
      Se poi vuoi ridere o piangere è una tua scelta, perchè nel caso del pianto può essere indice di dispiacere il ridere una mancanza di rispetto.
      La ricerca delle origini è un diritto sacrosanto che pretendiamo e ne chiediamo il rispetto.
      Di certo il DNA è una dimostrazione scientifica che dice chiaramente chi non siamo.
      Continueremo a cercare.
      Orgogliosi di essere Resiani.
      Con stima, Tiziano

      Elimina
    2. Se molti vocaboli sono simili ai vocaboli della lingua slovena significa che l'origine è sicuramente comune, per non parlare del caso del dialetto zegliano(carinziano) che sorprende gli studiosi per la somiglianza col resiano, sopratutto perchè il primo è incluso nei dialetti arcaici Sloveni. La ricerca delle origini è un diritto sacrosanto, ma se non ci sono certezze assolute è logico che l'animo umano tende, in una situazione di antipatia verso gli sloveni a cercare(e "trovare")conferme dell'estraneità a questo gruppo linguistico ricchissimo di dialetti. Lei non capisce lo sloveno standard perchè è molto differente dal resiano, se invece prendiamo i dialetti arcaici dell'alto Isonzo e della Carinzia vedremo come le somiglianze crescono vertiginosamente. Il DNA dice chi non siamo, ma si sono fatti test ufficiali nelle vicinanze della Val Resia per elimiare ogni dubbio o semplicemente ad una prova scentifica senza comparazione si grida al miracolo? e soprattutto come si può credere a certe teorie, quando dietro a questo c'è lo zampino di qualcuno per far mantenere in un territorio di confine "prezioso" la tanto strategica italianità?

      Elimina
    3. Come utente registrato ("L") faccio presente che questo blog ha pessime impostazioni di garanzia dell'autenticità dei commenti. Se cliccate sul nome "L" del primo commento e del presente, noterete che sono effettivamente io a scrivere; se cliccate sul nome del commento in risposta a Tiziano Butünöu, noterete che "L" rinvia a "Friulibar". Caro Friulibar... nella sostanza condivido i tuoi commenti, perchè mi sembrano sia fondati da un punto di vista scientifico, sia supportati dal 98% della scienza linguistica (che mi sembra difficile sia tutta manipolata dalle forze occulte del Patto di Varsavia, come qualcuno qui vorrebbe far credere - specie perchè il muro di Berlino è caduto da oltre vent'anni!!!!)... Ma visto che porti valide argomentazioni, perchè dovevi firmarle a nome mio? Vuoi generare confusione?
      Per il resto, credo che i resiani non si rendano conto di quanto sorridere facciano chi li osserva "da fuori" (che è poi il resto dell'Italia e dell'UE alla quale rivendicano con orgoglio di appartenere)... Penso il tutto sia ben simbolificato dalle disquisizioni che a Resia si fanno sulla grafia creata dagli organi politici del Comune (quando di grafia in genere si occupano i linguisti - seguendo lo stesso principio, un idraulico potrebbe fare il cardiochirurgo). Com è che "ü" ed "ö" di Butünöu non creano problemi, malgrado richiamino la lingua tedesca, mentre la "c" (fonema [ts]) scritta come in tutte le lingue slave (non slovene) che utilizzano l'alfabeto latino crea avvolgimenti di persone in bandiere?

      Elimina
    4. Dice che l'origine è sicuramente comune. Mi dovrebbe suffragare con delle prove scientifiche quanto dice.
      Se per comune intende Slavi, è probabile, se intende Sloveni allora non sono d'accordo.
      Anche a detta degli studiosi linguisti si parla, in merito alla parlata e solo quella, di origini slave e non slovene.
      Basta vedere gli scritti di Baudouin de Courtenay o di Dulicenko (spero di averlo scritto bene); purtroppo questi non più in vita e quindi non più interpellabili.
      Oppure il prof. Eric Hamp, americano tuttora in salute anche se avanti negli anni.
      La comunanza di parole può semplicemente significare che siano stati acquisiti per i motivi già esposti nella precedente esternazione.
      Se le origini fossero comuni allora anche nella struttura del genoma ci sarebbe una somiglianza.
      In merito ai test del DNA a cui lei si riferisce quardi questo video,

      http://www.youtube.com/watch?v=EJe-Zvwl0IY&feature=player_embedded

      e ascolti le parole del professor Gasparini verso la fine del video stesso.
      Non credo, da studioso qual'è, che abbia dato un giudizio così deciso senza basarsi su riscontri scientifici.
      Per la scrittura poi, non avendola mai avuta la dobbiamo inventare.
      Bisogna quindi stabilire un alfabeto e poi cominciare a scrivere.
      La grafia a questo punto, non avendo riferimenti storici possiamo sceglierla liberamente.
      Io stesso, nella mia semplicità e pur non esendone titolato, ho definito un alfabeto ma con l'unico scopo di poter mettere nero su bianco almeno le ultime parole che ci sono rimaste per evitare che vadano perse.
      Certe deduzioni vanno espresse con cautela e devono essere suffragate da prove scientifiche proprio per evitare gli "avvolgimenti di persone in bandiere".
      Come tante altre volte la scienza ci ha riservato una sorpresa.
      Cercando qualcosa ci ha permessi di trovare qualcos'altro.
      Come quando si fruga nei cassetti alla ricerca di qualcosa e invece troviamo quello che stavamo cercando da giorni.
      Così è stato per il DNA. Cercavano di capire che implicazioni hanno certe malattie ed hanno trovato anche altro.
      Partiamo da questo e continuiamo a cercare.
      Con l'orgoglio di essere Resiani.
      Con stima, Tiziano

      Elimina
    5. L'origine slava non è probabile ma è sicura, bisogna precisarlo, per quanto riguarda l'affinità alla sfera linguistica slovena è probabile, nel senso che se prendiamo tutta la varietà di dialetti sloveni, secondo questi criteri vediamo che il resiano portebbe rientrare sia linguisticamente che geneticamente(se ci fosse la volontà fin'ora mancata).Il genoma quindi è diverso perché a causa dell'isolamento secolare si è arrivati in una condizione che differisce di molto anche dagli stessi fondatori, e proprio dai fondatori che si dovrebbe partire, perché il loro genoma toglierebbe ogni dubbio sulla minore o maggiore affinità ad altre situazioni analoghe. L'alfabeto quindi dovrebbe basarsi non sulla pura fantasia perché essendo il resiano una lingua slava dovrebbe come tutte le lingue slave seguire delle determinate regole applicate ovviamente alla fonetica e non basarsi sull'onda emotiva nata dal sentimento di alcuni che sentono più vicina l'italianità che la resianità.

      Elimina
  2. Concordo anche perchè tutti gli Europei o quasi hanno origine caucasiche, come del resto la colorazione chiara degli occhi, non per niente negli Usa per identificare una persona si utilizza il termine "caucasico".Sarebbe bello fare una ricerca genetica sulla somiglianza genetica tra i resiani e gli sloveni di altre vallate alpine isolate...questo test è poco scentifico visto che non si fanno correlazioni su vasta scala, e soprtattutto bisognerebbe farlo a persone che hanno solo origini resiane, se qualcuno ha un genitore friulano o italiano viene preso in considerazione da questo test?

    RispondiElimina
  3. non dimentichiamo che se un resiano ha origini venete, molto probabilmente ha una parentela con i cugini d'oltre Canin.http://www.europaveneta.org/areadialogo/SANI.html

    RispondiElimina
  4. http://www.europaveneta.org/areadialogo/SANI.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte mi chiedo se tutti sanno la differenza tra SLAVO e SLOVENO.

      Elimina
    2. http://www.storiain.net/arret/num114/artic6.asp Sloveni in Russia, quindi...

      Elimina
  5. C'è chi si chiede se tutti sanno la differenza tra Friulano,Veneto e Italiano.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina