ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

giovedì 10 marzo 2016

Raccolta Firme: RESIANO, IN APRILE FIRMA E FAI FIRMARE - DIFENDI LA TUA IDENTITA' E QUELLA DEI TUOI FIGLI

1

Gli Sloveni della Carinzia e del Friuli Venezia Giulia. Internet – libri di storia

Popolazioni slave si insediarono nell'odierna Carinzia ai tempi di Carlo Magno.
Più tardi la stessa zona venne colonizzata da popolazioni provenienti dalla Baviera e le due culture convissero insieme per secoli anche se l'elemento tedesco prese a poco a poco il sopravvento .
Per secoli senza ostilità, tanto è vero che dopo la prima guerra mondiale, gli sloveni della Carinzia decisero di rimanere sotto l'Austria .
Dove godettero di una certa autonomia, del bilinguismo nella scuola, nella chiesa, nelle istituzioni Fino al momento in cui l'Austria divenne un Land tedesco.
L'assimilazione tedesca fu però così forte che una parte degli sloveni prese a parlare una lingua influenzata dal tedesco e chiamarono se stessi Vindi (Windisch o Wendisch in tedesco) Rimasero una minoranza rispetto agli sloveni .
L'Austria democratica riconobbe agli Sloveni i diritti di una minoranza, anche se ci furono episodi di intolleranza da parte di estremisti tedeschi, come la battaglia contro le indicazioni stradali in sloveno .
Oggi vivono in Carinzia poco più di 10000 sloveni e circa 600 Vindi.
Il villaggio Carinziano di Zell è l'unico dove gli sloveni rappresentano la maggioranza della popolazione, più di 600 sui 700 abitanti .
Nei più popolosi Globasnitz e Eisenkapell-Velach gli sloveni rappresentano circa il 40% della popolazione.


Gli Sloveni sulle nostre Alpi sono circa 60000 e vivono nelle province di Udine, Gorizia e Trieste.
Sono arrivati nel VI° secolo dalla Polonia, dalla Slovacchia quando il Friuli era un ducato longobardo e delle loro lotte contro i Longobardi parla Paolo diacono.
A differenza di quanto avviene in Carinzia sono una quindicina i comuni delle tre province dove la maggioranza della popolazione parla un dialetto sloveno.
Solo a Gorizia la minoranza locale parla lo sloveno letterario .
In Valcanale su 7000 abitanti circa 2000 sono Vindi, la loro lingua risente qui dell'influsso tedesco e friulano .

In Val Resia circa mille persone parlano quattro dialetti simili e abbastanza diversi da quelli sloveni parlati nel resto del Friuli .
Probabilmente l'isolamento di questa vallata dei monti ha serbato la lingua dalle impurità che si sono inserite negli altri dialetti o forse in Val Resia
gli abitanti derivano da un ceppo originario diversi da quelli che hanno popolato il Friuli . Durante la guerra, quando ci fu l'occupazione dei Cosacchi pare che i Resiani non avessero difficoltà ad intendersi con gli occupanti che parlavano il Russo.

Nessun commento :

Posta un commento