ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

lunedì 28 ottobre 2013

Presentazione del libro “ Apologia di Hrabar ’’

Il 26  ottobre 2013, è stato presentato, dopo  l’iniziale parentesi aperta al ricordo di Tommaso Zuzzi socio fondatore, scomparso in  tragica circostanza, l’opera,  “Apologia di Hrabar”, nella  sala Consiliare  del comune di Resia, al cospetto di un  attento e competente pubblico,  con cui il dr. Marino Droli risola e ridà respiro all’antico verbo ancora miracolosamente presente nel Rosajansko, nel Tersko e nel Nedisko,  avvalendosi dello scudo di Identità e Tutela Val Resia del patrocinio della provincia di Udine e del comune di Resia.

                Ha aperto gli interventi Alberto Siega, presidente di Identità e Tutela Val Resia, che si è dichiarato onorato di aver potuto dare il suo apporto tecnico relativamente alla stampa del libro.
                Sono quindi seguite le parole del sindaco di Resia, Sergio Chinese, che ha ringraziato il dott. Droli per il grande lavoro espresso nella ricerca e studio del libro,ha poi  fatto omaggio ai due relatori, delle stampe in resiano del “RAJBAT” piccolo vocabolario fatto dai bambini e ragazzi delle scuole locali, dal libro, guarda la natura
 “ Da Questo Prato”  e  del  “ Il Vangelo” in resiano.
Il sociologo e giornalista dr. Ferruccio Clavora con la sua prefazione ha esposto con dovizia la dettagliata ricerca  fatta da Marino Droli, esaltando la particolare e determinata posizione che il dott. Mrino ha dato alla lingua resiana come; lingua madre
                Tutti hanno lodato l’ottimo e interessantissimo lavoro del dr. Droli che ci riporta  nell’atmosfera slava dei tempi di Cirillo e Metodio, che contribuisce a far conoscere i trascorsi storico-letterari della lingua resiana e di quelle delle Valli del Natisone e del Torre e restituisce alle predette espressioni linguistiche la dignità di lingue autonome, liberandole dalle troppo ed interessate loro riduzioni a “dialetti” di un’altra lingua, storicamente estranea al vissuto quotidiano delle comunità del Friuli orientale.
                Infine, il dr. Droli ha parlato del suo libro ed ha ringraziato tutti coloro che in qualsiasi modo lo hanno aiutato a realizzarlo.  La serata si è conclusa con le note della zitira e bunkula di Matteo Petito e Gianni Lega.
All’albergo “Alle Alpi “e con  una conviviale bicchierata.

APOLOGIA DI HRABAR
Marino Droli
 Il possesso dei tratti comuni di tutte le lingue slave e delle relative forme vernacolari, costituisce un’unica provenienza, peraltro documentata.
Malgrado questo, l’importanza e il grandissimo valore di un testo che origina tutto il tutto il sistema linguistico in menzione, quale l’Apologia di Hrabar, nato intorno agli anni 780-800 d.C. sono pressoché sconosciuta, nonostante siano state fatte una trentina di edizioni critiche.
E’ in ineludibile che le origini risalgono a quell’epoca con Cirillo e con Metodio che ne ufficializzarono la nascita, come si evince dalle memorie storiche.
Questo libro si prefigge di fare luce, nei limiti del possibile, sugli effettivi profili genetici documentati, individuarne la possibilità di una sufficiente chiave di lettura per l’analisi del testo e, in particolare, della parola nei suoi elementi di preminenza, nonché definire i tratti, identitari nei vari gruppi di articolazione, con le consequenzialità che ne derivano.
Per questo fine è stato utilizzato il metodo della ricerca storico-bibliografica.
Attraverso la formazione di una base conoscitiva ampia e inoppugnabile, si sono individuate in “ Apologia di Hrabar” componenti espressive proprie di tutto il sistema linguistico presenti nei vari gruppi, in fase di continua evoluzione.
Da un’unica fonte si dipartono i singoli corsi d’acqua, grandi e piccoli che rappresentano metaforicamente tutto il sistema che viene ad assumere pari dignità e autonomia.
Ne consegue, nello specifico, che le parlate della Val Resia, della Val Torre-Cornappo e delle Valli del Natisone-alto Judrio, con un’estrazione storica ben identificata ed evolutiva, non possono essere considerate forme di derivazione” dialettale, ma lingue madri.
Breton (1981) e Smith (1986), linguisti di fama mondiale, hanno affermato: “Un’etnia e una minoranza linguistica s’identificano nella coscienza di una discendenza e di una storia comune per tutti gli appartenenti a quella comunità”.
Sussistono, quindi, i presupposti per un’identità linguistica ben fisionomizzata, radicata nei secoli che va valorizzata in tutti i modi, pena l’estinzione: è possibile quindi concepire il concetto universale di una “presa di coscienza e un senso di appartenenza” verso lingue di adozione.
Ciò anche in analogia con la dottrina trasformistica e universalista (socio-linguistica) degli USA con Fillmore, Boas, Sapir, Bloomfield e chomsky degli anni ’50.
Marino Droli

















faccio presente che, il libro "APOLOGIA DI HRABAR " è in vendita presso la libreria in Udine
              " FRIULIBRIS " di Beltrame Alessandro - via Piave 27 - 33100 UDINE


Nessun commento :

Posta un commento