ROSAJANSKI DOLUNO - Dulïna se nalaža tu-w Reġuni Friuli-Venezia Giulia. Göra Ćanïnawa na dilä di mërä ta-mi to Laško anu to Buško nazijun.
State ascoltando, ITALY RVR Radio Val Resia.Le trasmissioni in Lingua Resiana sono a cura di Tiziano Quaglia.Saranno trasmissioni settimanali dalla Domenica fino al Sabato successivo con i seguenti orari: Ore 13:00 e Ore 21:00 tutti i giorni. Ci sarà anche una edizione notturna alle ore 03:00 per favorire gli ascolti da oltre Oceano ( ore 20-21-22 in U.S.A. e intero continente Americano).---- You are listening to, ITALY RVR Radio Val Resia.Le broadcasts Resian Language are by Tiziano Quaglia. They will be broadcast weekly from Sunday until next Saturday at the following times: 13:00 and 21:00 every day. There will also be a night edition at 03:00 order to attract listeners from overseas (20-21-22 hours in the US and the American continent)


IL SITO DEDICATO A TUTTO IL POPOLO RESIANO CHE TENACEMENTE CONTINUA A DIFENDERE LINGUA,CULTURA E TRADIZIONE


Il Popolo Resiano, lotta contro l'imposizione all'appartenenza alla Minoranza Nazionale Slovena

venerdì 13 marzo 2009

Baudouin de Courtenay e la Lingua Resiana

In questi giorni ho trovato un articolo dal titolo " FAR VIVERE IL DIALETTO RESIANO " sul sito del Novi Matajur, dove viene presentato un piccolo volume (l'ennesimo), che evidenzia come, secondo loro, il Resiano è semplicemente un dialetto Sloveno.


Leggiamolo insieme.
L’Accademia slovena delle scienze e delle arti ha pubblicato un agile volumetto intitolato “Resiano un dialetto sloveno”. Il libro è stato curato da Jože Toporišič, insigne linguista sloveno ed allievo della grande scuola linguistica slava che annovera tra le sue file nomi quali Jacobson, Chomsky ed altri. La prefazione è dello storico della letteratura Boris Paternu, la traduzione è opera di Liliana Spinozzi Monai.
La pubblicazione include testi scientifici sul resiano di Fran Ramovš (1890-1952), Tine Logar (1916-2002), Jakob Rigler (1929-1985) e dello stesso Toporišič (1926). La lettura dei testi non è facile in quanto si tratta di scritti esplicitamente scientifici. La dialettologia moderna, che lavora su accenti, vocali e fonemi, sui toni, sulle sillabe finali ecc. comparandoli e soppesandoli, diventa un linguaggio fra il musicale ed il matematico.
La tesi che il resiano sia un dialetto sloveno non è dunque aprioristica. Nel suo complesso si basa sull’analisi delle singole parole, sull’accentuazione, sulla fonetica, sugli accenti circumflessi, sulle vocali comparandole con i dialetti sloveni della Carinzia, della Val Torre e dell’Alto Isontino percependo influssi sia friulani che germanici. Logar annota fenomeni simili in un’area che va dalla Valle del Gail (Carinzia) fino all’Istria.
Il dialetto resiano è indubbiamente arcaico ma non isolato. Lo dimostra la comparazione con altri dialetti sloveni e con i tratti assunti dai dialetti dalla stessa lingua letteraria. Ciò che gli autori contestano al primo scienziato alle prese con il resiano, vale a dire a Baudouin de Courtenay, è il fatto di aver considerato il resiano isolato da altre realtà linguistiche e dialettali. Baudouin non fu estraneo all’influsso di Vuk Karadžić e del panslavismo che fu contrario alla formazione di una lingua letteraria slovena, una vicenda questa che a molti studiosi italiani e anche nostrani è poco nota.
La tesi di Paternu è dunque ovvia. Il resiano ebbe una vita propria che però beneficiò di incontri con dialetti sia sloveni che romanzi e germanici. Riuscì ad esprimersi anche in modo letterario con testi artistici, con un suo vocabolario e con una vivacità e spiritualità aperta. Rinchiudere il resiano in una peculiarità locale senza aperture linguistiche e culturali vuol dire lasciarla ad una sempre più stretta comunità e ad un uso sempre meno corrente fino all’esaurirsi della spiritualità ed al senso intrinseco delle parole che ogni lingua porta con se. 


Ebbene, persino lo Studioso Baudouin de Courtenay  viene criticato per i suoi studi, che di fatto considerava il Resiano una Lingua che si sviluppò isolata da altre realtà Linguistiche e Dialettali.                   


- SORPRENDENTE -

Nessun commento :

Posta un commento